Attualità

Savona festeggia i trentanni dei Pirates

I Pirates Savona si apprestano festeggiare il loro trentesimo compleanno. Il sodalizio savonese oltre ad essere una realtà dello sport ligure è anche una società affermata a livello nazionale. Chi meglio del Presidente Giacchello , che oltre ad essere stato giocatore negli anni 80 è al ponte di comando da oltre 7 anni, puo’ parlare dei Pirates Savona e dei loro progetti futuri.
Presidente, trentanni non sono pochi. Facciamo un breve riassunto dell ‘avventura dei Pirates.
Una lunga storia e continuiamo a viverla, giorno dopo giorno. Dal lontano febbraio 1983, un gruppo di ragazzi appassionati di football hanno dato vita al nostro sodalizio sportivo. Molti di loro sono ancora con noi, ad esempio Coach Ferrari, tra l’altro autore dei primi punti ufficiali della squadra, altri ci seguono da piu’ lontano, ma sempre attenti alle notizie ed alle nostre imprese. Questo rende il mondo Pirates unico, una fratellanza che rimane al di là del tempo che trascorre. Anche noi abbiamo avuto degli alti e bassi a livello societario. Dalla vittoria del girone Nord Ovest di Serie B nel 1987 con l’approdo in serie A2 fino alla semifinale, purtroppo persa, del campionato Under 20 del 1989. Dopo l’uscita di scena del compianto Presidente Rondoni, ci fu un momento buio. La squadra si sciolse e molti atleti approdarono ad altre squadre. Ci fu in concomitanza anche la crisi della stessa federazione e questo ci diede un aiuto, nel senso che la nostra assenza si noto’ meno. La franchigia pero’ era salva, avendo chiuso senza debiti , il nome rimase. Dopo qualche anno sabbatico un altro gruppo storico dei Pirates riprese l’avventura. Si costitui’ la nuova società e il nome Pirates Savona potè ritornare sulle scene sportive del football italico.

Questo cammino è passato attraverso i ragazzi che hanno vissuto periodi storici e sociali diversi. Quali differenze ha trovato in questo percorso. Premetto che io ho iniziato a giocare nel 1986 e che ho smesso nel 2000 e che sono diventato presidente nel 2006, quindi posso parlare a ragione veduta. Le differenze ci sono. Primo i ragazzi. Noi avevamo delle esigenze diverse, molto piu’ semplici. Avevamo un concetto molto alto dello sport, inteso come impegno, passione , sacrifico. Valori che oggi cerchiamo di trasmettere sia ai nostri figli che ai nostri tesserati. Senza questi valori ,fare sport in questo mondo attuale diventa difficile. Oggi pochi ragazzi hanno questi concetti , vuoi perché vige la legge del tutto e subito e anche perché le offerte di divertimento e svago con minor impegno sono molteplici. Non voglio fare una trattato sociologico perché ci vorrebbe troppo tempo, ma sotto gli occhi abbiamo degli esempi che a volte sconvolgono. Inoltre ai ragazzi pesa parecchio questa incertezza del futuro, questa mancanza di progettualità e programmazione che li riguarda. Anche questo influisce negativamente sull’approccio allo sport da parte dei giovani. Quando anche il sistema istituzionale relega all’ultimo posto lo sport tra le priorità economiche e sociali, non considerandolo invece un veicolo di aggregazione, integrazione e socialità ma solamente un mezzo di svago, anche le famiglie, i giovani e le autorità si comportano di conseguenza. Inoltre aggiungo che la situazione economica oggi è estremamente arida. Reperire risorse economiche è molto difficile, piu’ che in passato e diventa arduo permettere a qualcuno di fare sport mettendogli a disposizione strutture e risorse, il tutto richiede veramente oltre ad un grosso sforzo anche una grande passione ed una grande tenacia. Ci adattiamo e lottiamo ogni giorno, centimetro dopo centimetro.
Parliamo del futuro. Quali programmi hanno in serbo I Pirates per il 2014? Il programma Pirates Savona 2014 parlerà soprattutto ai giovani. Nel 2012 abbiamo iniziato un percorso con il nostro medico sportivo , ex giocatore, il Dott. Claudio Cappelli , costituendo la Pirates Academy Savona. Una scuola di football basata su concetti atletici , di sviluppo motorio ed equilibrio , lo sviluppo del concetto di gruppo e di squadra, il tutto per rendere prima questi bambini degli sportivi, sia fisicamente che mentalmente , per poi successivamente portarli a praticare il nostro sport. Questi concetti li riprenderemo da Settembre in quanto abbiamo in programma a Savona, sia un camp per il recruting per le leve dal 1993/1994/1995/1996, sia il Progetto Scuola, con alcune scuole medie e superiori della città che hanno già dato la loro adesione. Un progetto che avrà la finalità di far disputare dei bowl scolastici di flag football per eleggere alla fine la scuola vincitrice del torneo.
In base a questa iniziativa scolastica abbiamo formato la Pirates Academy di Sanremo, seguita dal nostro Coach De Cunsolo, che è già a buon punto con la partecipazione al Educamp 2013 di Imperia, una delle 26 città selezionate dal Coni per questo progetto atto a far conoscere e praticare , a piu’ bambini possibili , piu’ sport possibili, tra cui, da quest’anno anche il flag football da noi rappresentato.
Non dimentichiamo la Pirates Flag Football Loano, un gruppo di ragazzi stupendi, al cui comando abbiamo Stefano Landi; sono giovani pieni di idee e di voglia di fare, che stanno disputando il loro secondo campionato senior flag football con buoni risultati e che inoltre stanno seguendo i ragazzi della nostra Under 15, sempre di flag.Un 2014 che parlerà soprattutto alle nuove leve, che dovranno necessariamente crescere e costituire la nuova ossatura della squadra dei prossimi 5 anni.
E ora parliamo di Domenica 30. Ci spieghi il programma dei festeggiamenti. Inizieremo alle 15,30 circa, al nostro Pirates Field, il campo sportivo Ruffinengo di Savona, con partite di flag football sia senior che junior che vedranno protagoniste le nostre scuole flag confrontarsi con le scuole Mastini Ivrea e G Team Gallarate. A seguire dopo i saluti dell’Assessore allo sport del Comune di Savona, Dott. Luca Martino e del Consigliere federale Fidae James Dewar, ci sarà poi la consegna delle maglie commemorative, le premiazioni del Pirata dell’anno, del rookie dell’anno e altre simpatiche iniziative.
Alle 18,30 circa la prima squadra dei Pirates affronterà in uno scrimmage (partita amichevole) i Mastini Ivrea, la prima squadra che nel lontano 1984 incrociò i caschi con i Pirates alla prima giornata del primo campionato ufficiale disputato dal nostro team. Alla fine grande cena sociale presso la guest house dello stesso impianto sportivo.
Tutto l’evento sarà presentato dalla nostra radio ufficiale Radio Skylab di Varazze con la dj Giuditta Arecco . inoltre musica di qualità con la Toni Pampero Band ed esibizione delle nostre cheer leader, le Black Pears,ormai un punto fermo sia della nostra società che dei nostri eventi.
Per tutto il pomeriggio sarà aperto lo stand della birra artigianale Elrissor di Sassello che disseterà con fiumi di ottima birra oltre a focaccia e pizza.
Qualche ringraziamento particolare. Permettetemi di ringraziare chi ha veramente aiutato in questi anni i Pirates Savona iniziando dal Comune della nostra città, nella persona dell’assessore allo sport Dott. Martino, sempre disponibile alle nostre iniziative e sempre al nostro fianco. Poi la Società Calcio Legino 1910, nella persona del Presidente Sig. Carella e di tutto lo staff dirigenziale, anche loro sempre disponibili nella gestione degli orari e degli spazi campo . Siamo anche molto ben seguiti e di questo li ringrazio di cuore perché la visibilità è importante quanto uno sponsor, sia dai giornali locali, sia dai mediaweb. Poi gli sponsor veri e propri, il main sponsor la Junkers Bosch nella persona del Sig. Alberto Murialdo, il Brico Center Savona nella persona del Sig. Pensabene e dei suoi collaboratori, ed i Mac Donald di Savona e Genova nella persona del Sig. Parodi e poi tutti gli altri, tantissimi, che nonostante la crisi, non ci hanno mai fatto mancare il loro contributo, grande o piccolo che sia stato. Grazie alla loro generosità, permettono a questa Società di continuare a fare sport e soprattutto a tanti giovani di praticarlo. Infine a tutto lo staff dirigenziale e tecnico della nostra Società un grazie enorme ed un abbraccio affettuoso a tutti i nostri Atleti.
Bene allora lunga vita ai Pirates e ci rivediamo per il 35°.

1 commento

  • Grazie a questi fantastici ragazzi al Presidente sono la mamma di Ilaria avete fatto conoscere questo Sport venendo nella nostra scuola do Pietra Ligure. Domenica sono venuta alla festa che si è tenuta a Savona al campo grande entusiasmo premiato il Pirates dell anno il ricordo a chi non c’e’ più e poi foto condivisione simpatia alla fine con le mie figlie abbiamo guardato la partita, bella ma le regole penso d impararle forse tra 1 anno. Bravi bello Sport non avrei mai immaginato sempre visto alla tele nei film più Americani che Italiani, verremo tutta la famiglia a vedervi e tifare per Voi GRANDI Emanuela Enrico ILARIA RACHELE

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: