Attualità

Esplorazioni con i biologi sui fondali di Finale Ligure

Nella “spiaggia delle stelle”, a Finale Ligure, è possibile praticare lo snorkeling naturalistico accompagnati da esperti biologi, nell’ambito di un’iniziativa promossa dalla cooperativa di ricerche scientifiche RSTA, promossa dalla Lega Navale Italiana di Finale Ligure e con il contributo della Fondazione De Mari.

Chi non ha mai guardato sott’acqua con maschera e boccaglio, esplorando i fondali marini vicini alla riva? Per tutti coloro che da bambini hanno frequentato le spiagge del ponente ligure, da Varigotti a Pietra Ligure, è senz’altro stato irresistibile buttarsi in acqua per dare un’occhiata al mondo sommerso ed ai suoi abitanti in pochi metri d’acqua. Volendo usare dei termini “moderni” e presi in prestito dall’inglese, quest’attività di gioco-esplorazione marina adesso si può anche chiamare “snorkeling” o “sea-watching”: basta un minimo di attrezzatura (maschera e boccaglio, non sono nemmeno fondamentali le pinne anche se possono aiutare) e si può partire per una battuta esplorativa del mare davanti alle spiagge. Per chi invece non l’avesse mai fatto o volesse farlo provare a bambini e ragazzi, da quest’anno è possibile provare le attività proposte da Salto nel Blu e sperimentare lo snorkeling naturalistico accompagnati da esperti biologi marini alla cosiddetta “spiaggia delle stelle” di Finale Ligure (a fianco del molo del porticciolo turistico di Capo San Donato), iscrivendosi gratuitamente alle attività previste ogni giovedì fino al 12 settembre. Salto nel Blu è un progetto sportivo-educativo che si propone di far conoscere l’ambiente tutelato delle beach-rock (incluso nei SIC marini della Liguria) e accrescere la sensibilità per questi siti costieri di pregio naturalistico. I partecipanti allo snorkeling possono anche utilizzare l’attrezzatura subacquea messa a disposizione dagli organizzatori. Andrea Molinari, uno dei biologi di Salto nel Blu, conferma che “nelle beach-rock si possono osservare decine di specie marine diverse tipiche del fondale roccioso, dalle madrepore fino alle giovani cernie ”. L’escursione in mare, che dura circa 40 minuti, è sempre preceduta da un breve briefing tecnico-naturalistico. “Non sempre i ragazzi hanno chiaro come indossare la maschera o utilizzare al meglio il boccaglio per respirare in superficie” dice Paolo Bernat, altro biologo marino di Salto nel Blu.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: