Economia

La Marina di Loano diventa vetrina dei prodotti savonesi di qualità

Il turismo di qualità ha incontrato a Loano le qualità del territorio. A fare da catalizzatori sono stati la Camera di Commercio di Savona e Marina di Loano, l’avveniristica struttura portuale impegnata in una sfida internazionale che si gioca essenzialmente sul campo della qualità. Qualità complessiva (Marina di Loano ha ottenuto la Bandiera Blu per il terzo anno consecutivo ed è certificata ISO 9001), qualità del sistema di gestione ambientale ISO 14001, qualità nell’utilizzo e nel rispetto degli standard internazionali di gestione e sicurezza sul lavoro OHSAS 18001.

La Camera di Commercio si è mossa nella convinzione che per ottenere importanti ricadute economiche sui territori interessati dalla nautica da diporto non sia sufficiente l’offerta di posti barca, soprattutto in presenza di una forte concorrenza, ma che sia invece indispensabile inserire il porto turistico in una filiera che viene dal mare e si completa a terra. Un passaggio dove sono presenti servizi di supporto al settore nautico, servizi turistici che integrano le banchine con il territorio circostante e le sue eccellenze culturali e ambientali, e servizi commerciali che promuovono la conoscenza e il consumo delle produzioni agro-alimentari locali di qualità. Da questo impulso è nata l’iniziativa che ha fatto incontrare il presidente della Camera di Commercio di Savona, Luciano Pasquale, con i vertici portuali – il Consigliere Delegato di Marina di Loano, Enrico Bertacchi, il direttore dello Yacht Club commodoro Giorgio Benussi e il direttore del Porto Marco Cornacchia – con i rappresentanti di una quarantina di aziende savonesi del settore agroalimentare e con le associazioni di categoria. Dal miele all’olio, dai tartufi alla frutta secca morbida, dagli amaretti ai funghi ai vini doc: i prodotti tipici del territorio hanno trovato una vetrina di prestigio, da trasformare in occasioni di business. “E’ necessario – ha ricordato il presidente Pasquale – continuare ad investire nella qualificazione dell’offerta a 360 gradi. In questo modo sarà possibile avviare un circolo virtuoso che esalti il valore aggiunto costruito intorno ai turisti del mare, ai servizi a terra ed al territorio, che potrà da un lato contribuire a rendere più attrattivo il soggiorno e dall’altro dare alle nostre imprese l’opportunità di promuoversi in una fascia alta di consumatori”. A Loano sono state poste le basi per una collaborazione ampia e studiate alcune iniziativa da attuarsi già a partire dalle prossime settimane, anche tenendo conto che i mesi di luglio e di agosto sono quelli in cui si concentra il turismo nautico. Marina di Loano, va ricordato, dispone di oltre mille posti barca, un centinaio dei quali sono riservati ai “transiti” ovvero alle imbarcazioni in giro per il Mediterraneo che scelgono Loano come scalo per qualche giorno: una clientela internazionale alla quale Marina di Loano può presentare un biglietto da visita fatto, da oggi, non solo di servizi tecnici, ma anche di sapori da gustare, cantine da visitare, prodotti da portarsi a casa, itinerari programmati e personalizzati.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: