Cultura e Musica

Domani ad Albissola Marina il Voxonus Festival

Al via domani il Voxonus Festival dell’Orchestra Sinfonica di Savona ad Albissola Marina a Villa Faraggiana. Si comincia alle ore 19.00 con la presentazione del Festival (che ospiterà il Concerto di canto lirico dell’Accademia Musicale di Savona Ferrato-Cilea, tenuto dagli allievi della docente Elena Bakanova accompagnati dal pianista Raffaele Mascolo) poi ci sarà tempo per godersi l’indiscutibile fascino settecentesco di Villa Faraggiana e per un rinfresco a buffet di benvenuto per gli spettatori. Seguirà, alle 21.15, il concerto del pianista Enrico Pesce.

“Mi è stato chiesto di eseguire un concerto di confine tra il barocco e il jazz” dice il pianista Enrico Pesce “Ho scelto la via più accattivante, ossia quella di improvvisare su alcuni tra i temi più noti dell’epoca a cavallo tra il sei e il settecento: dall’aria sulla quarta corda di Bach ad alcuni preludi e cantate dello stesso autore, dall’aria di Haendel “Lascia ch’io pianga” all’Estate di Vivaldi fino ad altri grandi capolavori della Musica barocca” Così riassume il suo recital dal titolo “Variazioni ed improvvisazioni tra Barocco e Jazz passando da Bach a Jarrett” il pianista Enrico Pesce nel suo Blog (www.pesceenrico.blogspot.it). Di formazione classica ma con notevoli esperienze in ambito jazzistico e pop, Enrico Pesce improvviserà sui temi della tradizione barocca mettendo in luce, di volta in volta, le forti similitudini strutturali e armoniche che si riscontrano in composizioni di due epoche così apparentemente lontane.

Cenni biografici

Enrico Pesce è un pianista italiano. La sua formazione, che spazia dalla musica medievale (del quale è specialista) alla classica, dal Jazz al Pop, l’ha reso un esecutore estremamente versatile. Così come ha attraversato il mondo con la sua musica suonando tra gli iceberg della Groenlandia, nelle terre calde dell’Africa, nei moderni Stati Unti, nella più tradizionale Russia e in buona parte d’Europa, Enrico Pesce, allo stesso modo, è riuscito a scavalcare le barriere secolari esistenti tra i diversi generi elaborando una scrittura e un’esecuzione molto personali. Per questo motivo non è facile dare una definizione del suo stile. Autore di musiche per il cinema, per la pubblicità, per i Musical e di composizioni colte e di songs, blogger convinto, Enrico Pesce ama improvvisare, derogare, stupire se stesso e, di conseguenza, il pubblico.

«Il mio primo obiettivo è di non annoiare chi mi ascolta. La musica deve essere una continua sorpresa, anche per chi la fa». Questa, in poche parole, la filosofi di Enrico Pesce, pluridiplomato in Conservatorio, laureato in musicologia e, per sua stessa definizione, pronto a ricominciare da capo nel magico mondo di una musica che si rinnova ogni volta che una nota viene suonata.

 

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: