Cultura e Musica

Prima esecuzione dell’inedito di Verdi ritrovato a Finale Ligure

Musiche sacre e d’ispirazione sacra tratte dalle opere più famose di Giuseppe di Verdi (Nabucco, I Lombardi alla prima crociata, Messa da Requiem, Otello, Giovanna d’Arco, La Forza del destino) faranno da “cornice” alla prima esecuzione del “Tantum ergo”, la composizione sacra del grande maestro ritrovata recentemente a Finale Ligure, nel fondo di musiche manoscritte dell’antica Società Filarmonica di Finalborgo. Il grande concerto sinfonico vocale si terrà stasera alle ore 21,30, presso la Basilica di San Giovanni Battista a Finalmarina e sarà ad ingresso libero.

Protagonisti saranno l’Orchestra Classica e il Coro “Mario Panatero” di Alessandria, il soprano Anna Delfino, il baritono Bruno Pestarino, che canterà il “Tantum Ergo”, e il mezzosoprano Elisa Lagutaine, sotto la direzione del maestro finalese Maurizio Fiaschi. Il concerto è inserito all’interno della stagione musicale della Città di Finale Ligure “Percorsi Sonori”, organizzata dall’Assessorato alla Cultura e al Turismo e dalla Biblioteca Mediateca Finalese. Il ritrovamento dell’inedito di Verdi è stato effettuato dai musicologi Flavio Menardi Noguera e Italo Vescovo durante il riordinamento – ancora in corso – del fondo di musiche manoscritte depositato nel 2005 dalla Filarmonica di Finalborgo presso la Sezione Musicale di Conservazione della Biblioteca Mediateca Finalese. Si tratta di una composizione “giovanile” di Verdi risalente, con tutta probabilità, al 1839, anno in cui il compositore musicò la romanza l’Esule il cui tema è utilizzato nel Tantum Ergo, scritto per voce di basso/baritono e orchestra. “Si sta ancora indagando sulla provenienza di questo manoscritto non autografo, ma tutte le ipotesi portano a pensare che questa copia provenga da uno dei numerosi maestri di musica che, provenienti da Genova, venivano a lavorare per il comune di Finalborgo e per la Società Filarmonica. – dicono gli autori del ritrovamento – Non bisogna del resto dimenticare il fatto che Verdì ebbe sempre un rapporto strettissimo con la Superba dal 1841, anno del suo primo incontro con la città, ai numerosi passaggi negli anni ’50, al momento in cui acquistò casa in Genova (1867) per trascorrervi ogni anno la stagione invernale, fino all’ultimo soggiorno nel 1900. L’ipotesi più attendibile sulla provenienza del Tantum ergo di Verdi che al momento è possibile formulare, è dunque quella che qualche maestro di musica proveniente da Genova abbia realizzato o posseduto una copia dall’autografo (al momento perduto) di questa composizione giovanile di Giuseppe Verdi e l’abbia portata con sé nel periodo della sua attività a Finalborgo depositandola nel fondo musicale della Società Filarmonica”.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: