Attualità

Domani a Noli, in prima visione regionale, “L’ultimo pastore”

Noli, i colori del cinema, l’evento organizzato dal Comune di Noli, in collaborazione con l’associazione culturale no profit Kinoglaz, domani o vivrà un momento di crescita importante. Non solo per la prima volta sulla Spiaggia libera dei Pescatori, ingresso gratuito, sarà presente un regista per conversare del suo film con il pubblico presente, ma assisteremo a una piccola fiaba – adatta ad un pubblico di grandi e piccoli- in prima visione regionale.

Infatti il film L’ultimo pastore di Marco Bonfanti, presentato al Torino film festival 2012 (distribuito in sala da Istituto luce – Cinecittà) e poi nei maggiori festival del mondo: dal Sundance film festival, fondato da Robert Redford, al Dubai International film festival (e poi Tokyio, Seattle, San Pietroburgo) non è mai arrivato nella nostra regione. Arriverà proprio a pochi giorni dalla vittoria del premio del pubblico per il miglior dibattito alla rassegna Bimbi Belli di Nanni Moretti.  Il regista 32enne racconta la storia di Renato Zucchelli, l’ultimo pastore che ancora si ostina a girare con il suo gregge in un ambiente inospitale come la periferia milanese e arriva fino al Duomo per far conoscere, soprattutto ai bimbi, uno stile di vita arcaico ma ancora reale. Una fiaba che esprime il concetto di libertà nel nostro tempo attraverso il racconto dell’ultimo pastore di Milano, metropoli con uno dei gradi di cementificazione più alti d’Europa. Il film incanta con il lirismo di una riflessione tra uomo e natura dai tratti fiabeschi. Con partecipazione l’autore segue Renato Zucchelli, sposato e padre di 4 figli, attraverso le valli dove porta il gregge di oltre 1000 pecore durante la transumanza, e con loro respira e gode della bellezza di valli verdeggianti che dominano dall’alto le città sottostanti. Un orizzonte sconfinato. Poi c’è il percorso tra grattacieli e automobili sulle tangenziali per riportare in pianura, nella stalla gli animali in inverno. In città c’è la moglie chioccia che protegge, c’è la scuola – sguardo sul mondo/futuro – dove una bimba crede che con le pecore si faccia il budino, c’è il mondo frenetico che ha spazzato via questo rito e trasforma Renato in una sorta di alieno che spesso sembra uno dei personaggi immersi nella natura dei quadri di Giovanni Fattori. Un resistente che non vuole che certe tradizioni muoiano, come il gai, la lingua dei pastori, che conoscono ormai in pochissimi ed è stata censita dall’Unesco come lingua in pericolo di estinzione. Un sognatore che ha realizzato il lavoro che desiderava anche contro il parere della sua famiglia e che deve fare i conti con un mondo che sembra andare nella direzione opposta alla sua. Come sa poeticamente raccontare Ermanno Olmi (che ha definito il film” Bellissimo e indimenticabile”), Bonfanti crea con la macchina da presa un rapporto intenso che permette di presentare un discorso unitario che abbraccia l’autore, il protagonista e l’ambiente circostante per raccontare il disagio del nostro tempo, di un corso che va cambiato se non vogliamo perdere completamente la nostra identità di uomini. Il film ha un ritmo lineare che non ha bisogno di soluzioni ricercate perché quello che è importante restituire è il realismo della successione temporale, l’alternanza naturale di giorni e di notti, di primavera, estate, autunno e inverno e chissà, ancora primavera. Un’opera fatta di malinconia, di gesti, di sguardi che si perdono nell’immensità degli spazi aperti e trovano la poesia anche sulle strade provinciali invase dal rumore dei clacson di automobilisti irritati.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: