Politica

Il governo Letta e la Confcommercio

Il governo Letta, in un quadro politico perennemente instabile, sta facendo del suo meglio, ma la politica economica del rinvio dimostra una latenza di idee strategiche e strutturali che paralizzano i consumi e di conseguenza la nascita delle imprese italiane che lavorano sulla domanda interna. Sarebbe necessaria una politica meno liturgica di distribuzione delle entrate fiscali verso i ceto medio-bassi, per equità sociale e per rilanciare in maniera utile i consumi, e quindi la crescita economica e gli investimenti delle imprese con alleggerimenti fiscali per chi assume in modo avveduto e, soprattutto, per chi spende in tecnologia avanzata.

Per quanto riguarda le parti sociali, mentre Cgil e Confindustria tutelano, a volte egoisticamente, i loro interessi di categoria, specialmente le corporazioni più aggressive, la Confcommercio continua a non condurre una severa battaglia per ottenere ammortizzatori universali, affinché la patente precarietà degli esercenti, non garantiti da un contratto civile, li equipari armonicamente, per flessibilità e rassicurazioni sociali, agli altri lavoratori, introducendo un tetto ineludibile alle pensioni d’oro, tagliando del 20% la ricompensa monetaria dei burocrati ufficiali di alto rango, come già avviene nei Paesi Bassi e in Francia; denunciando con vigore l’infestante corruzione, emarginando chi evade slealmente le tasse alterando il mercato. Spero che il governo di larghe intese attivi velocemente queste campagne politiche con riforme graduali, necessitate per non fallire ancora.

Fausto Benvenuto

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: