Cultura e Musica

Appuntamento con Margherita Oggero a Finale Ligure

Questa sera, a Finale Ligure, in Piazzale Buraggi, Lungomare, alle ore 21,15, nuovo appuntamento con la diciottesima edizione di “Un libro per l’estate 2013 – Incontri con gli autori”, rassegna organizzata dalla Libreria Cento Fiori con il patrocinio del Comune di Finale Ligure Assessorato alla Cultura e al Turismo. L’appuntamento in programma per oggi, prevede l’incontro con Margherita Oggero che presenterà i libri “Perduti tra le pagine” e “Un colpo all’altezza del cuore”.

Perduti tra le pagine – Una scolaresca in visita al Salone del libro di Torino. Una babysitter rumena appassionata di letteratura. Due coppie di genitori più o meno affannate, più o meno in crisi, più o meno felici nella giungla quotidiana. E, soprattutto, tre bambini: Leone, che si chiama così per davvero, e Orso, che avrebbe un nome meno “feroce” ma non vuole essere da meno del suo amico, e Giulia, con i codini e lo sguardo furbo. Orso e Leone vengono da famiglie molto diverse e non si conoscevano fino a che, proprio nella medesima mattina di carta e caos, non si perdono entrambi tra gli stand della più grande fiera dedicata ai libri in Italia. E mentre le maestre, la tata, i genitori in apprensione convergono sui corridoi del Lingotto di Torino per cercarli, mentre Giulia li raggiunge per non essere da meno, loro sfuggono a tutti i richiami per scoprire quante sorprese si nascondono fra le pagine dei libri – anche quelli dei grandi, anche quelli “senza figure”. Perché i libri, a differenza degli adulti, non hanno mai fretta, non cambiano discorso nelle situazioni delicate, giocano con la fantasia e trovano le parole per ogni emozione. Una giornata molto speciale, una piccola favola vera che ci racconta quanto fitta è la trama che unisce la vita alla letteratura, quanto la poesia di una pagina può cambiare il senso della nostra piccola grande storia.

Un colpo all’altezza del cuore – A Torino, quella mattina, fa un freddo cane e c’è aria di neve. Mentre sta andando a scuola, senza quasi aver tempo di capire cosa accade, la prof Camilla Baudino si ritrova testimone di un brutale regolamento di conti: all’incrocio tra due centralissime vie della città una moto si affianca a un’auto e con un colpo di pistola il centauro uccide il conducente della macchina, per poi sparire nel traffico. Pochi minuti dopo, ad accorrere sulla scena del delitto per dirigere le indagini arriva l’unico poliziotto da cui Camilla avrebbe desiderato tenersi alla larga: il commissario Gaetano Berardi. Sono trascorsi quasi tre anni da quando Gaetano e Camilla si sono incontrati l’ultima volta, ma il tempo – che a lui ha regalato qualche affascinante ruga in più, mentre a lei la pungente inquietudine per un matrimonio un po’ appannato e le scaramucce con una figlia nella piena adolescenza – sembra non aver sopito del tutto un’attrazione pericolosamente vicina a trasformarsi in amore.
Poche ore più tardi, anche la giornata della giovane dottoressa Francesca Gariglio è destinata a prendere una piega inusuale. La polizia rinviene il cadavere di un pensionato, massacrato con una spranga: è un suo ex paziente, uno dei tanti di cui Francesca si prende cura lavorando nelle corsie dell’ospedale di Chivasso, cittadina che fino a quel momento aveva ritenuto sin troppo tranquilla…
Ma in effetti tanto tranquillo quello spicchio di pianura nebbiosa non è, se pochi mesi prima la stessa Francesca era convinta di aver assistito a un altro omicidio, del quale però non si è mai riusciti a trovare traccia…
Dalla movida dei Murazzi alla provincia sonnacchiosa, tra un marito lontano e un fidanzato distratto, la prof e Francesca si ostineranno a seguire il filo di due indagini sempre più coinvolgenti, fino a correre rischi nient’affatto metaforici. A soccorrerle, solo una tisana dalle virtù miracolose e la loro amicizia: quella tra una donna fatta e una ragazza sulla soglia delle scelte importanti, quell’amicizia ironica e dolce che solo tra due donne può esistere.
Con la sua scrittura piena di sapore e di humour, con il suo sguardo partecipe, mai arreso, sulle vite degli uomini e gli infiniti garbugli del cuore, Margherita Oggero dà vita a un romanzo sul valore e la responsabilità racchiusa in ogni nostro gesto quotidiano e ci regala una nuova, attesissima indagine della “profia” investigatrice.

Margherita Oggero è nata a Torino, dove vive, e ha insegnato in quasi tutti i tipi di scuola. Ha pubblicato il suo primo romanzo, La collega tatuata, con Mondadori nel 2002. Da quest’opera Luciana Littizzetto ha tratto il fortunato film Se devo essere sincera. Nel 2003, sempre con Mondadori, è uscito Una piccola bestia ferita che ha ispirato la serie televisiva Provaci ancora, prof! con Veronica Pivetti. I suoi ultimi libri sono L’amica americana (2005), Qualcosa da tenere per sé (2007), Il rosso attira lo sguardo (2008), Orgoglio di classe (2008), L’ora di pietra (2011), tutti pubblicati con Mondadori.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: