Cultura e Musica

Gerry Buschiazzo, il ritorno al “vero”

Nella panoramica artistica “postmoderna” in cui la pittura, dopo aver tentato ed osato tanto se non tutto, è ancora alla ricerca di nuovi o di antichi orizzonti, vi sono artisti che ci fanno riscoprire il fascino della raffigurazione di soggetti “reali”. Tra costoro Gerolamo “Gerry” Buschiazzo. Nato a Varazze il 10 luglio 1938, ma di origini sasselline e precisamente della località di Piampaludo, è un autodidatta, vive ed ha lo studio a Varazze ma è rimasto legato anche al paese di origine, ha esposto in varie mostre collettive e personali a partire dal 1965. Jerry dipinge, in prevalenza, scorci del suo adorato entroterra e marine, senza tralasciare la ritrattistica. I suoi soggetti sono costituiti da immagini di boschi e di casolari nelle varie stagioni, di paesi e di borghi della collina e del litorale della nostra regione, con qualche fuga, a volte, in più lontani lidi, come una veduta forestale dell’alta California.

Sempre dal vivo, egli afferma di dipingere; ciò che si scorge sulle sue tele esiste, fa parte di ciò che tutti i giorni può venire da chiunque osservato. Ma l’arte, la pittura, nella specie, ripropone sempre un modo di vedere, una veduta filtrata, uno sguardo proveniente da un occhio più sensibile e più attento; l’artista che ritrae il “reale” propone immagine alla portata della vista di tutti ma sa cosa proporre, o meglio, sa come proporre! Le immagini di Jerry Buschiazzo, coerentemente con la sua professione “verista”, contengono, ad una più attenta osservazione, tante note, tanti motivi, tanti echi che la storia della pittura realistica, ed oggi estemporanea, fa vibrare alla nostra percezione. Certo di lui si legge che ama la natura, che è incantato dalla montagna e dal mare, che coglie le atmosfere luminose, che è legato alle borgate del suo entroterra, ma c’è di più: i suoi boschi e le sue scene campestri ricordano a volte i “Macchiaioli” a volte i pittori “naifs”, tanto amati nella seconda metà del novecento; sorprendentemente poi, talune sue marine con imbarcazioni all’ancora e uomini di mare in attività, come taluni suoi ritratti, ripropongono la vividezza fotografica di Hopper, uno dei più grandi pittori statunitensi, da noi forse non troppo conosciuto: artista attento alla lezione europea e ispirato dalla realtà della “scena americana”. E non mancano, nella ricerca delle impressioni dal vero di Jerry, altre suggestioni: i “Pini marittimi” di Portofino, che ho visto in illustrazione, straordinaria percezione di un declivio di pini verso un mare azzurro, riporta un soffio della famosa “scogliera di Ruegen” di Caspar Friedrich e pertanto una lontana eco di romanticismo… è dire troppo? Non penso; la pittura è amore dell’immagine e del colore; per i vedutisti, anche della natura e dell’ambiente, modificato dall’uomo; è una costante che mette in unione Jerry, per la sua bravura, con il passato di cui è figlio! Jerry Buschiazzo espone, sino alla metà di ottobre, presso la Società Aurora di Valleggia.

Giorgio Siri

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: