Cultura e Musica

Albenga by night con Gerry Delfino per le Giornate Europee del Patrimonio

E’ stata una serata davvero speciale quella trascorsa visitando in notturna i musei cittadini accompagnati da Gerry Delfino. Si è trattato di appuntamento imperdibile per gli appassionati di storia locale, arte, archeologia ed amanti delle vestigia della Città delle Torri. All’appello hanno risposto una quarantina di persone che, guidate dall’ex assessore alla cultura ingauno ed attuale membro del CDA della Fondazione Oddi, hanno avuto l’opportunità venerdì di visitare i tesori di Albenga, in occasione delle Giornate Europee del Patrimonio.

Ad Albenga, a inaugurare l’evento è stata un’interessante conferenza itinerante del brillante e appassionato editore – antiquario di libri di pregio Gerry Delfino. “Abbiamo voluto – dicono gli organizzatori – consentire a tutti di godere d’un vasto patrimonio, che non può, né deve restar relegato nel circuito breve d’appassionati cultori, ma divenire risorsa e fondamento d’una possibile quanto necessaria Rinascenza. Avviene così che aderendo ad un progetto ormai consolidato, il Ministero per i Beni e le Attività Culturali promuova le suddette Giornate, sostenendo e organizzando sull’intero territorio nazionale la fruizione gratuita di musei mostre e convegni”. Anche Albenga, città ricca d’un vasto patrimonio storico, archeologico e artistico, con il sostegno della Fondazione “G.M. Oddi”, in sinergia con le varie realtà museali locali, sarà per due giorni partner d’una rete virtuosa, riconducibile all’idea di cultura democratica e condivisa. L’ itinerario è partito dalla mostra “Magiche Trasparenze” per poi visitare al terzo piano di Palazzo Oddo, l’inaugurazione della Mostra “In Chartis Mevanie. Vento, Soffio, Brezza e Tempesta”, suggestiva rassegna d’opere d’arte contemporanea realizzate su carta artigianale, selezionate dal professor Alberto D’Atanasio, della Fondazione Sgarbi, docente di Semiologia e Storia dell’Arte presso l’Università di Perugia. Tema della mostra, l’elemento Aria che disvela il suo mistero nei lavori eseguiti da artisti, provenienti da ogni parte d’Italia, sulla carta Bambagina composta da Mastro Cecco Proietti. Poi si è passati al Museo Navale Romano (con le celebri anfore della nave affondata al largo di Albenga in età imperiale, scoperta grazie a Nino Lamboglia padre dell’ Archeologia Subacquea), al Museo Preistorico (con i preziosi reperti della studiosa Milli Leale Anfossi), alla visita agli antichi vasi della Farmacia Comunale ed al Museo Civico Ingauno.

Claudio Almanzi

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: