Attualità

Chiarimento sulle Opere Sociali di Savona

Stupisce l’articolo del Secolo del 15 u.s. Forse chi scrive non conosce la realtà dei fatti o forse non vuole conoscerla. E’ noto infatti che le Opere Sociali di Savona non sono solo amministrate dal Presidente, ma l’azione di governo avviene attraverso un Consiglio di Amministrazione che, anche se a titolo gratuito e, specifico da mesi, ha sempre operato secondo criteri di correttezza e trasparenza, con l’obiettivo di rendere efficaci e puntuali i servizi alla cittadinanza.

La Dirigente evidentemente opera all’interno della struttura quale Responsabile del perfezionamento giuridico delle procedure amministrative e tecnico/contabili e quindi con mansioni prettamente dirigenziali esecutive e attuative delle scelte politiche e di governo del Cda. Per quanto attiene le sottolineature che il poco informato giornalista ha effettuato, posso assicurare e affermare, in qualità del ruolo rivestito, che il Sindaco non ha mai interferito nell’attività svolta dal sottoscritto e che nei miei confronti non sono mai state esercitate pressioni di alcuna natura, fermo restando il proficuo dibattito spesso sostenuto per l’approfondimento delle questioni legate alle Opere Sociali. Non mi risulta, peraltro, una situazione conflittuale all’interno della struttura né nell’ambito del CdA, tantomeno tra la parte politica e quella dirigenziale, semmai l’impegno di ognuno a dare il proprio contributo per la soluzione dei problemi, ciascuno per le proprie competenze, che non sono mai state prevaricate neppure da parte del Presidente, che ha sempre operato, per quanto mi riguarda, con spirito di proficua collaborazione per la soluzione dei problemi. Sconcerto suscita anche la posizione sindacale assunta dalla CGIL, espressa dal Segretario Generale della Funzione Pubblica Giancarlo Bellini, quando presente all’ultima sessione negoziale, ha preso atto della volontà politica dell’Amministrazione tutta, di adeguare le procedure di gara alla richiesta di tutela sociale avanzata dalla triplice, come a conferma deliberato nella prima seduta utile del CdA successivo. Tale atteggiamento non può che trovare una lettura pretestuosa, oltre a rappresentare vergognoso esempio di strumentalizzazione di lavoratori e famiglie, da parte proprio di chi invece dovrebbe individuare tutele e garanzie. Con queste dichiarazioni mi assumo la responsabilità per il ruolo che ancora mi appartiene e ritengo a nome di tutto il CdA, di dichiarare che non vi sono mai stati interessi da parte dell’Amministrazione di andare a ledere gli interessi dei lavoratori e di andare a compromettere la qualità dei servizi alle famiglie, fino ad oggi di ottimo livello. E’ quindi mia intenzione rasserenare gli animi dell’utenza e dei dipendenti che gli scopi perseguiti fino ad oggi da questa Amministrazione, continueranno con lo stesso spirito anche per il futuro.

Vincenzo Catalano

Consigliere Opere Sociali

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: