Lettere alla redazione

Il diavolo si è fermato ad Arcore

Prologo: Alcuni anni fa Massimo Dalema ebbe a dire a proposito di Berlusconi ‘spero di vederlo all’angolo di una strada a mendicare’. L’uomo appariva stanco, il passo lento, gli abiti impolverati, l’ampio cappuccio sdrucito a coprirgli il volto. Aveva girovagato per giorni in quel luogo della memoria, per viottoli secondari per non essere riconosciuto, cibandosi della frutta caduta dagli alberi e abbeverandosi alla sorgente nel bosco. Aveva intrapreso un viaggio doloroso, a ritrovare le radici in quel luogo del quale era stato padrone indiscusso, temuto e osannato, poco amato, molto invidiato e dal quale due anni prima era fuggito nottetempo come un ladro di galline, per non essere arrestato e finire in galera.

La notte era buia, le ombre parevano ghermire l’uomo a ogni movimento, poche luci indefinite in lontananza; imboccò il sentiero che ben conosceva delimitato dalle alte siepi di bosso e che terminava davanti all’imponente cancello con gli stemmi traslucidi ottonati di famiglia su ambedue i lati; si soffermò a lungo, mille pensieri lo tormentavano, indeciso sul da farsi o ritornare indietro e scomparire nuovamente nel nulla. L’ora era tarda e il silenzio oppressivo rotto soltanto dal gracchiare di qualche raganella, a tratti il soffio del vento portava il profumo delle magnolie ancora in fiore come a ricordare all’uomo che la natura attorno era sempre quella, incontaminata e bellissima. L’uomo ebbe un sussulto, riprese coraggio, suonò con insistenza, quasi con rabbia, il campanello istoriato a fianco della targa in marmo dove un tempo era inciso il nome della dimora e che ora appariva malamente divelta. Passarono attimi interminabili, poi un omone, uno stalliere per come appariva dall’abbigliamento e dal fucile a tracolla, gli si fece incontro, al di là del cancello e con voce burbera dall’accento spiccatamente siculo, chiese cosa mai volesse. L’uomo, con aria mesta, raccontò di essere molto stanco, febbricitante e che necessitava di un giaciglio, sia pure sotto il porticato della dimora, dove riposare fino all’alba quando avrebbe ripreso il cammino. Ancora attimi di silenzio, poi lo stalliere scoppiò in una clamorosa risata, spiegò che quella era una dimora lussuosa, un tempo residenza di un personaggio famoso e potente e ora prossima ad essere riaperta come Casinò per miliardari: di rivolgersi al convento dei frati cappuccini per altro a breve distanza. L’uomo restò immobile, come a meditare, disilluso e forse in cuor suo furibondo; si avvicinò ancor più alle sbarre del cancello, solo pochi passi lo separavano dallo stalliere: lentamente sollevò il cappuccio, mostrò il volto, gli occhi di fuoco e la bocca scomposta in una smorfia cattiva, poi all’improvviso voltò la schiena e senza nulla dire scomparve nella notte. Lo stalliere era impallidito, la fronte imperlata di sudore, aveva immediatamente riconosciuto l’uomo, il suo vecchio padrone: ma per tutta la vita, barando con se stesso, ostinatamente si impose di credere che quell’uomo altro non fosse che il diavolo.

Gianni Gigliotti

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: