Attualità

Giornata con i russi e i tedeschi a Ranzo alla scoperta della vendemmia ligure

Giornata ricca di emozioni a Ranzo dove un gruppo di turisti russi e tedeschi hanno imparato a conoscere i segreti della vendemmia nei vigneti dell’entroterra del ponente. Partiti da Alassio e Laigueglia hanno raggiunto Ranzo per conoscere da vicino il lavoro di chi per intere generazioni ha lavorato la terra, e poi degustare i prodotti tipici, e assaporare il mosto e il vino. “Si tratta – dice il sindaco di Ranzo Agnese Vinai – di un’iniziativa che è rivolta soprattutto a far conoscere ai turisti stranieri che non si accontentano più soltanto del mare, i gioielli dell’entroterra: borghi, prodotti, cibi e siti incantevoli”.

L’occasione è stata offerta ai turisti che in questi giorni soggiornano nelle due località del ponente savonese, grazie alla collaborazione con il Comune di Ranzo e con le cantine Massimo Alessandri, Bio Vio, La Casetta, Deperi e dell’agriturismo La Fattoria di Costa Bacelega, sotto l’egida di Coldiretti e il contributo della Marchisio spa. L’appuntamento con la vendemmia ligure è nato da un’idea del professor Franco Laureri, responsabile del centro studi dell’Istituto Alberghiero “Giancardi” di Alassio. “In frazione Bonfigliara di Ranzo – ci ha detto Laureri – turisti e cultori del vino hanno vissuto assieme un’esperienza unica, a due passi dal mare, ma già immersi nel verde dell’entroterra,in un’atmosfera famigliare alla scoperta della vendemmia e delle sue emozioni”. La giornata è servita soprattutto a convincere operatori turistici ed economici italiani e stranieri che la vendemmia, anche in Liguria, può essere un prodotto turistico, così come da anni viene venduto in Veneto, Toscana ed Emilia. “E’ indubbio – conclude il sindaco Agnese Vinai – che la vendemmia sia una scusa per far conoscere e riflettere turisti ed operatori sui riti, le tradizioni ed i miti legati alla raccolta dell’uva e sulle bellezze storico-artistiche ed architettoniche della bassa Valle Arroscia. Ma visti i risultati ci è sembrata una bella iniziativa”. Così turisti e cultori del vino hanno avuto la possibilità di vivere un’esperienza unica, a due passi dal mare, in un atmosfera famigliare che li ha condotti alla scoperta della vendemmia e delle sue emozioni. Le cantine ranzesi promotrici dell’evento hanno messo a disposizione per la vendemmia il podere della “Torretta”, in frazione Costa Parrocchia, uno dei vigneti più suggestivi e panoramici della “città del Vino” da cui si intravede il mare e tutta la Valle Arroscia, dal castello di Sant’Elmo alla chiesa di San Pantaleo.

Claudio Almanzi

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: