Attualità

Il troppo precoce abbandono dei giovani dall’attività sportiva

sport genericaÈ questo, purtroppo, un tema di grande attualità che, di anno in anno, statistiche alla mano, va assumendo sempre proporzioni più grandi a dimostrazione che le grandi problematiche dello sport, soprattutto dello “sport giovanile”, non sono state assolutamente risolte, in quanto, quasi certamente, nemmeno affrontate da chi dovrebbe farsi carico di questo problema. Un problema che coinvolge non solo le federazioni sportive nazionali e conseguentemente le società sportive a loro affiliate, ma anche gli enti di promozione sportiva riconosciuti dal Coni che hanno come loro denominatore comune e obiettivo quello di propagandare e diffondere l’attività sportiva fra i giovani che, in seguito, possono e devono perfezionsarsi in seno alle società sportive. Su questo argomento, che coinvolge la nostra nazione tutta, sono stati fatti incontri, seminari, tavole rotonde, convegni e quant’altro si possa immaginare. Nella nostra stessa città di Savona, dove l’abbandono precoce dei giovani dell’attività sportiva si avverte sempre in misura maggiore, sono stati fatti studi e convegni per affrontare l’argomento: l’ultimo seminario lo ha fatto la Unvs (Unione Nazionale Veterani dello Sport) sezione “R. Roggero” di Savona che proprio ha nel suo statuto grande interesse e attenzione per l’attività sportiva giovanile. Una volta, però, sviscerato e discusso il problema, esso andrebbe ancor meglio affrontato da chi è preposto a dirigere e pilotare lo sport in Italia, ovvero il Coni, il mondo della scuola, le amministrazioni regionali, provinciali e infine i comuni. Più volte è stata auspicata una “tavola rotonda” fra i titolari delle varie istituzioni per concordare un intervento comune a sostegno dell’attività sportiva giovanile, oggi sempre più in crisi e dovuta a un’infinità di fattori che la stanno negativamente condizionando. Un compito che tutti si augurano – almeno nella nostra città – possa affrontare e risolvere la così detta “consulta dello sport”, mesi or sono istituita dall’assessore allo sport del comune di Savona Luca Martino. In seno alla consulta dovrebbe essere all’uopo creata una commissione di esperti delle varie istituzioni che dovrebbero lavorare e incontrarsi per cercare di risolvere, a livello locale, almeno parzialmente, questa piaga che continua a privare i sodalizi di ragazzi/e che non riescono più a trovare “motivazioni” in seno ai sodalizi sportivi di appartenenza. Sappiamo bene, peraltro, quante e quali siano le difficoltà che hanno le società sportive dilettantistiche per “tirare la carretta”: quasi nulli gli aiuti economici, una manovalanza dirigenziale sempre minore, difficoltà organizzative e burocratiche sempre crescenti. Le così dette “quote di iscrizione” che rappresentavano una chiara voce di entrata nei conti delle società non vengono quasi più versate dalle famiglie, anch’esse in grandi difficoltà economiche per via di una crisi talmente evidente che non ha certo bisogno di commenti. Ma, come detto, uno dei problemi maggiori è quello di non riuscire più a dare ai giovani delle motivazioni reali e credibili che possano loro consentire di fare e praticare l’attività sportiva con volontà e convinzione. A chi dare delle responsabilità? A una nuova generazione di allenatori e tecnici che svolge il proprio lavoro solo ed esclusivamente per ricevere il “rimborso spese” o ai giovani che, ormai, sono svuotati di ogni “credo” e incapaci di avere quell’impegno e quella serietà che ogni attività sportiva impone? Si potrebbe affermare che le responsabilità si possono dividere al 50%. I giovani tecnici non sono certo più quelli di una volta: certamente saranno più preparati tecnicamente con maggiori conoscenze anatomiche e fisiologiche, ma incapaci di trasmettere quei contenuti che, invece, ci venivano, anche verbalmente, inculcati dai nostri “mister” nei quali credevamo e ai quali eravamo legati da affetto e ammirazione. I giovani, peraltro, frutto della “società del falso benessere” dal mondo della scuola ricevono solo nozionismo, non credono più quasi a nulla e a nessuno e sono refrattari alla fatica e al sacrificio. Un quadro certamente negativo che è, in fin dei conti, il risultato di una società che chiede solo e che ben poco o nulla dà in cambio. A tutto questo i giovani rispondono con indifferenza, con abulia, con menefreghismo, con un distacco totale che li porta a non essere minimamente coinvolti nella vita istituzionale e conseguentemente in quella sportiva: non va certo dimenticato, infatti, che lo sport non è che uno dei tanti – e io aggiungo uno dei principali – aspetti della nostra vita associativa. Tempi addietro si era soliti sentire frasi del genere: “mio figlio non ha voglia di studiare, ma si applica molto nello sport”. Oggi si sentono frasi della serie: “mio figlio non ha voglia di fare un accidente, nemmeno di fare dello sport”. Di bene in meglio! Una sfiducia che i giovani stanno chiaramente dimostrando verso le istituzioni nelle quali ormai credono più in pochi e che si ripercuote nel mondo dello sport anche lui, ormai, intaccato dal malaffare soprattutto quando il livello tecnico cresce e aumenta. Non resta che affidarsi alle piccole, fragili, ma serie società sportive dilettantistiche fin tanto, almeno, che riuscirà a esistere quel vecchio volontariato ormai sempre più in estinzione. Se lo sport giovanile è in crisi è anche dovuto al fatto che ben pochi danno la loro gratuita e disinteressata attività in seno alle società sportive: l’aspetto economico ha, ormai, stravolto ogni ideale. Le famiglie? Lo abbiamo già scritto in altre occasioni. Sono cadute anch’esse in una sorta di egoismo che le porta a chiedere sempre più ai sodalizi sportivi e a dare sempre meno, limitandosi a guardare l’ascesa tecnica del proprio figlio/a e spesso, purtroppo, creando problemi di convivenza all’interno della squadra e della stessa società. Va, insomma, rivisto un po’ tutto se vogliamo veramente che questo nostro sport giovanile possa riuscire veramente a interessare i giovani dando certezze e coinvolgendoli veramente in quei comuni ideali e denominatori che lo sport deve assolutamente avere che sono quelli dell’amicizia, della collaborazione, del rispetto reciproco e degli avversari e delle regole stesse del gioco. Ai responsabili delle istituzioni dobbiamo ricordare che qualora lo sport giovanile naufragasse completamente esso decreterebbe veramente la fine delle nostre attuali e future generazioni.

Carlo Colla

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: