Cultura e Musica

Le peripezie di Madama Butterfly al Carlo Felice

madama butterfly carlo feliceIl Carlo Felice ripropone la Madama Butterfly di Puccini, con le ormai storiche scenografie di Beni Montresor, ma con alcune varianti. Innanzitutto la versione andata in scena martedì 18 febbraio è quella di Brescia del 1904 (successiva alla malaugurata prima milanese), la seconda delle quattro, realizzate dal compositore lucchese, e che si differenzia dalle altre per qualche battuta razzista di Pinkerton all’indirizzo dei giapponesi e delle loro tradizioni, e per la presenza della moglie di questi, Kate. La donna, infatti, a differenza del marito, che non osa affrontare Butterfly, nell’ultimo atto si rivolge all’infelice fanciulla, chiedendole di affidarle il figlioletto da portare con sé in America.
La regia di Daniela Dessì, il famoso soprano, anche interprete di Cio –Cio- San (ma che alla prima ha dato forfait per problemi d’influenza), ha voluto apportare qualche novità, rispetto all’allestimento del 1995, già riproposto con successo dal teatro genovese; ha infatti visto la protagonista come un’eroina tragica, piuttosto che un’ingenua ragazzina, immaginando come suo spazio vitale una grande stanza onirica, con un paravento che la divida dallo spazio “degli altri”. I costumi, comunque molto belli nella loro essenzialità e nella tavolozza cromatica (l’immagine di Cio-Cio-San rimane soprattutto legata al candido obi delle sue nozze e della sua morte), sono stati disegnati dalla stilista genovese Alice Montini.
Lo spettacolo di domenica 23 (secondo cast), cominciato con qualche incertezza, con l’orchestra del teatro, diretta dal giovane Valerio Galli, che copriva le voci del Pinkerton di Khacatur Badalayn (nel primo cast interpretato dal tenore Fabio Armiliato), del Goro di Matteo Macchioni e dello Sharpless di Armen Karapetyan, è andato in crescendo, soprattutto nella seconda parte, quando la vicenda di Butterfly, malgrado le speranze della sposa abbandonata e giovanissima madre, si volge a poco a poco in tragedia. L’interpretazione della soprano Maria Luigia Borsi, che già aveva sostituito la Dessì alla prima, si è rivelata intensa ed ha suscitato calorosi applausi, soprattutto nella celeberrima aria “Un bel dì vedremo”. Peccato che la sala facesse registrare molte poltrone vuote!

Claudia Sugliano

Repliche: sabato 1 marzo, e domenica 2 marzo, sempre alle 15,30.

Nelle fotografie, di Marcello Orselli, alcuni momento dello spettacolo

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: