Attualità

Eletto il nuovo economo diocesano: per la prima volta è un laico

lorenzo prandoIl nuovo economo diocesano è un laico. Nei giorni scorsi il vescovo Vittorio Lupi ha nominato Lorenzo Prando in questo difficile ruolo gestionale per la chiesa savonese. Una scelta che conferma dunque l’impegno promosso dalla nostra diocesi nel voler valorizzare sempre di più l’operato dei laici all’interno della chiesa, anche negli incarichi di Curia o alla guida di uffici pastorali, consentendo quindi ai sacerdoti di concentrarsi maggiormente sul proprio impegno pastorale. Nel caso specifico, questa alternanza è stata originata da un’esplicita richiesta di don Piero Giacosa, gravato da diversi e difficili compiti. “Già da parecchio tempo don Piero Giacosa mi chiedeva di sollevarlo da qualcuno dei suoi numerosi incarichi, in particolare da quello dell’Economato, ma forse i tempi non erano maturi e l’impegno che stava svolgendo nella reimpostazione di tutto quello che riguarda l’amministrazione e l’organizzazione del lavoro era troppo prezioso per interromperlo – spiega il vescovo in una nota – ora, essendosi presentata l’occasione di avere chi può subentrare con competenza, serietà ed esperienza nella persona di Lorenzo Prando, ho deciso di accettare le dimissioni, consapevole che l’impostazione che è stata data da don Piero potrà proseguire attraverso chi per anni è stato suo fedele collaboratore”. Prando, nato a Cosseria il 14 giugno 1950, dopo il diploma in ragioneria, entra nell’allora 3M Italia e qui opera con crescenti responsabilità fino a ricoprire il ruolo di funzionario nella Ferrania Technology Spa. Andato in pensione, diventa collaboratore della diocesi in occasione della visita di Benedetto XVI del 2008, nell’anno successivo è chiamato ad affiancare l’economo diocesano don Giacosa come segretario e in questo ruolo, tra le altre cose, si occupa del rilancio strutturale del mensile Il Letimbro. Sempre assieme a don Piero promuove i cambiamenti amministrativi e gestionali della curia diocesana e, in pieno accordo col vescovo Lupi, la creazione dell’ente Mater Misericordiae, col preciso scopo di amministrare i beni della Chiesa, curarne la destinazione d’uso e il loro mantenimento. Si tratta quindi di una scelta in assoluta continuità con l’operato dell’economo uscente che resta comunque in alcuni ruoli chiave della diocesi di Savona-Noli, non trascurando ovviamente anche la sua missione di parroco: “Don Piero continuerà in tutti gli altri incarichi di direttore dell’Ufficio amministrativo, di Rettore del Seminario e di parroco di Sanda – conclude monsignor Lupi – sento il dovere di ringraziarlo per il lavoro svolto in questi anni in cui la diocesi per merito suo e dei collaboratori che nel frattempo sono stati aggregati, è passata da una amministrazione confusa e pasticciata ad una realtà chiara e comprensibile e, soprattutto, ad un servizio proposto a tutte le parrocchie per sollevare i sacerdoti dagli impegni burocratici e amministrativi che, a causa della loro complessità, possono distoglierli dagli impegni pastorali”.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: