Attualità

Fabbriche Aperte: gli studenti savonesi alla scoperta del porto

fabbriche aperte porto vadoConclusa la due giorni di visite al Terminal Corsica Ferries di Vado Ligure e alla rada portuale di Savona da parte di quasi cento ragazzi provenienti da tre scuole della provincia. L’ennesima tappa del viaggio di Fabbriche Aperte si è concentrata sulle banchine del porto di Savona-Vado. Obiettivo, una conoscenza approfondita del più importante motore dell’economia che rappresenta oggi uno tra più antichi e attivi scali italiani. È qui che gli studenti delle scuole “Mameli -Alighieri” di Albenga, “Ai Martiri della Libertà di Quiliano” e “Peterlin” di Vado Ligure hanno visitato le aree dove, sotto la regia dell’Autorità Portuale di Savona, operano 17 terminal privati in grado di offrire servizi competitivi per tutti i tipi di merce e per i passeggeri. Nel 2013 sono state 2000 le navi che hanno attraccato alle banchine del porto portando circa 13 milioni di tonnellate di merce e più di 1,2 milioni di turisti, con le crociere che hanno superato i 900 mila passeggeri l’anno. Il percorso degli studenti è stato caratterizzato dalla scoperta delle più moderne tecnologie che servono il porto: dalle gru ai macchinari di ultima generazione con sottolineatura specifica per le tecniche utilizzate al fine di migliorare l’efficienza energetica. Spazio anche ai traffici con la visita al cantiere per la costruzione di un nuovo terminal destinato a ospitare i contenitori a Vado Ligure: una piattaforma sul mare di 210 metri quadrati con una banchina lunga 700 metri e una profondità di accosto di oltre 22 metri che dal 2017 consentirà di ospitare anche le più grandi navi in circolazione. Attenzione massima da parte dei ragazzi, apprezzata anche dai tecnici dell’Autorità Portuale e dal presidente Gianluigi Miazza: “L’edizione 2014 di Fabbriche Aperte rappresenta un ulteriore salto di qualità e il nostro apporto è convinto poiché esperienze come queste rappresentano davvero un arricchimento per tutti i partecipanti. I giovani sono stimolati e la loro curiosità è notevole, conferma di un interesse generale verso le tematiche del lavoro e della nostra economia. Mostrare una realtà viva come quella rappresentata dal nostro Porto, far vedere concretamente quante figure professionali qualificate vengono impiegate perchè le merci siano imbarcate, sbarcate, trasferite dalle banchine dove attraccano le navi ai luoghi di distribuzione, è la migliore soluzione per generare fiducia nelle giovani generazioni Prossima tappa di Fabbriche Aperte, giovedì prossimo al Reefer Terminal di Bergeggi. Protagonisti 48 ragazzi delle scuole medie di Albisola Superiore e Albissola Marina.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: