Attualità

Le strisce di Lupo Alberto a Villa Faraggiana

lupo albertoSilver “40 Anni da Lupo” dalle strisce delle origini alle tavole più recenti di Lupo Alberto e degli esilaranti ospiti della fattoria McKenzie saranno esposte fino all’11 Maggio nella prestigiosa cornice della monumentale Villa Faraggiana ad Albissola Marina. Una grande mostra di originali disegnati dal grande Guido Silvestri in arte Silver, a cura della MCK/Silver e dell’Associazione Culturale Comics & Art componente di spicco delle varie iniziative legate alla terza edizione di Albissolacomics che celebrerà non solo il famoso Lupo Alberto, il simpatico, sfortunato e atipico predatore dall’inusuale livrea azzurra, ma anche tutti i personaggi che gravitano all’interno della fattoria e soprattutto il loro creatore, il grande Guido Silvestri. Lupo Alberto nasce a Modena nel 1973 e fa capolino nelle edicole il 17 Febbraio 1974 sulle pagine del Corriere dei Ragazzi numero 7, da quelle prime strisce di acqua sotto i ponti ne è passata veramente tanta e oggi, Guido Silvestri, sta tranquillamente veleggiando verso le 5000 strisce, il mensile Lupo Alberto ha superato agevolmente quota 340 numeri pubblicati e, alla faccia del web e della crossmedialità che vorrebbero affossare il cartaceo e accaparrarsi il fumetto, sta sempre più consolidando la sua presenza in edicola. Le storie del gruppo di animali che convivono nella fattoria McKenzie, ognuno dei quali rappresenta un esemplare di tipologia umana, che hanno come protagonista principale Alberto, il surreale antilupo azzurro, follemente innamorato di Marta, una gallina, costantemente ostacolato da Mosè, il grosso ed ottuso cane bobtail guardiano del pollaio, il tutto condito da una pletora di personaggi esilaranti talmente indovinati che potrebbero essere loro stessi i protagonisti di altre miniserie: le talpe Cesira avveduta e assennata ed Enrico invadente e sbruffone, il toro Krug l’abitante più temuto della fattoria, il colto maiale Alcide, e ancora Alice amica di Marta, lo sciocco papero Glicerina, la passera Salvietta, Lodovico il cavallo un pò tonto e Odoardo il cugino ricco e antipatico di Marta. La mostra ripercorre l’evoluzione parallela dell’artista Guido Silvestri e della sua creatura Lupo Alberto attraverso l’alter ego Silver, da quella scelta iniziale di ribaltare lo stereotipo del lupo feroce e sanguinario trasformandolo in “fratello Lupo” e non solo, ma anche trasmettendo attraverso il tratto sulle strisce il proprio pensiero, affrontando con intelligenza e sensibilità, a partire da quegli indimenticabili anni 70 in un universo di assoluta fantasia molti temi d’attualità. Dall’omosessualità, con la talpa Enrico che ostenta un cartello con scritto “checca è bello”, al terrorismo delle B. R. quando sempre Enrico propone a Lupo Alberto di fondare il movimento “Bravi Ragazzi” con, guarda caso, l’acronimo B. R. posto al centro di una stella a cinque punte, e in periodi più recenti all’incubo dell’Aids con l’opuscolo “Come ti frego il Virus”. Ed è appunto questo cammino in parallelo, in costante evoluzione, nel quale è difficile distinguere se in Silver c’è più Guido Silvestri o più Lupo Alberto, che ha instaurato con i lettori un particolare feeling conquistando un numero impressionante di fedeli appassionati ribaltando ulteriormente lo stereotipo e trasformando Silver/Alberto in un feroce predatore, di lettori. L’artista Guido Silvestri, in arte Silver, sarà presente e a disposizione dei visitatori nei locali della mostra per tutta la giornata di Domenica 11 e ad iniziare dalle ore 16,00 regalerà ai visitatori autografate di suo pugno le 100 stampe inedite prodotte per l’occasione. Per tutta la giornata di Sabato 10 in Piazza del Popolo sarà attivo un Ufficio Postale Distaccato delle Poste Italiane che timbrerà con un annullo postale commemorativo dedicato ai 40 anni di Lupo Alberto la cartolina realizzata da Silver nella quale la gallina Marta che cerca in tutti i modi di farsi sposare, vestita da sposa, sta aspettando uno sconcertato ed eternamente indeciso Lupo Alberto davanti alla chiesa di Piazza della Concordia, contenuta nel consueto cofanetto di Albissolacomics contenente altre quattro cartoline (Tex – Gianluca Cestaro, Diabolik – Giuseppe Palumbo, Anima – Paolo Eleuteri Serpieri, Zagor – Paolo Bisi) tirato in soli 200 esemplari numerati.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: