Cultura e Musica

Ad Albissola Marina mostra di Arkady Lvov

Con la mostra “Obiettivamente”, che si inaugura domani presso la Galleria Il Bostrico, Arkady Lvov, fotografo di origine ucraina, che vive e lavora a New York, torna per la seconda volta ad Albissola Marina. L’esposizione comprende 25 lavori, suddivisi in due temi, “Nature morte” e “Venezia di notte”. L’idea di quest’ultima serie è venuta a Lvov, passeggiando nella città sulla laguna in una nebbiosa notte invernale, quando ogni cosa gli apparve nell’aspetto più magico e sognante. La Venezia notturna, senza negozi aperti, senza suoi abitanti e l’abituale folla di turisti, pareva abbandonata. Gli unici suoni erano lo sciabordio dell’acqua nei canali e i suoi passi sui marciapiedi. La notte successiva egli prese la macchina fotografica ed iniziò questo nuovo progetto (alcuni anni fa aveva già fotografato, nello stesso spirito, “I muri di Francia”), inoltrandosi nelle zone meno frequentate ed ovvie della città, nei quartieri dove ancora abitano i veneziani.
La natura morta, invece, è sempre stata uno dei soggetti artistici preferiti di Lvov. Per me, dice ”essa rappresenta la possibilità di mettere insieme degli oggetti che ti parlano e che tu speri possano parlare anche ad altri”. La natura morta ha fatto molta strada, dagli affreschi romani, fino alla rappresentazione profondamente spirituale della pittura olandese, ed in fotografia è stata affrontata da giganti, quali Paul Strand, Edward Weston, Irving Penn e Josef Sudek, il grande maestro ceco, a cui il lavoro di Lvov si ispira. Egli, infatti, si inserisce nella tradizione della natura morta classica, cercando di raccontare in ogni immagine una sua piccola storia. Come ha scritto l’artista russo Michail Chemiakin, con cui egli ha lungo collaborato in qualità di fotografo delle sue opere scultoree e pittoriche: “Oggi, nel nostro mondo isterico e nell’uomo, che si trova in difficoltà a percepire le qualità spirituali, il maestro Arkady Lvov trova la spiritualità in vecchi oggetti fuori moda o non più utilizzati. Qui troviamo l’esperienza dei grandi del passato – l’umiltà e la saggezza di Chardin, il mondo malinconico di Andersen, la bellezza dell’ascetica povertà di San Francesco d’Assisi- ma quanto apprezziamo particolarmente nel suo lavoro, in una natura morta, è il dolore dell’uomo, che comprende come il mondo di questi oggetti sia un mondo sul punto di scomparire”. Lvov lavora nella preziosa e quasi dimenticata tecnica novecentesca del platinum printing, la stampa a platino, un complesso processo realizzato interamente a mano, preparando una soluzione contenente platino e sali di palladio, perché è convinto che le sue morbide sfumature tonali e il forte effetto tridimensionale siano ideali sia per la natura morta sia per le immagini notturne. In essa egli è ormai un maestro riconosciuto, al punto che grandi fotografi come Anne Leibovitz ed Elliot Erwitt, si rivolgono a lui per stampare i loro lavori anche in occasione di importanti mostre.

Claudia Sugliano

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: