Cultura e Musica

Tra poche ore prenderà l’avvio il 48° Festival di Borgio Verezzi

Le memorie di un fanciulloAncora pochissime ore, e al teatro Gassman si alzerà il sipario per l’evento che dal lontano 1967 ha reso celebre piazzetta Sant’Agostino: il 48° Festival teatrale di Borgio Verezzi, che presenterà 8 Prime nazionali e un’Anteprima; in calendario ventidue appuntamenti complessivi dedicati ad Aldo Reggiani, mancato lo scorso anno. L’Anteprima al Festival di questa sera, unica rappresentazione al Gassman (ore 21.30), vedrà Luca Terracciano (foto), impegnato in: “Le memorie di un fanciullo”, scelta di frammenti dal romanzo di Elsa Morante “L’isola di Arturo”. Un atto unico, sotto la regia di Maximilian Nisi, che aprirà le porte al leitmotiv dell’edizione 2014: le “prove d’attore”, dove si affida alla bravura del protagonista la possibilità di riuscire a coinvolgere lo spettatore in monologhi dal forte impatto emotivo.  Terracciano (che nonostante la sua giovane età ha in bagaglio moltissime esperienze sia in campo cinematografico che teatrale) vestirà quindi i difficili panni di Arturo, un ragazzo cresciuto nell’isola di Procida, orfano di madre morta di parto. Il padre, che per il figlio è un mito (bello e gagliardo) lo ha affidato ad un garzone di nome Silvestro (che poi partirà), e il giovane passerà il tempo sperando un giorno di poter accompagnare il genitore in quella sua vita libera e vagabonda. Immaginiamoci la sorpresa nel vederlo tornare con una nuova sposa, e immaginiamo pure le sensazioni contrastanti che il giovane Arturo vivrà, al cospetto di questa nuova figura femminile che, come lui, è disposta a trascorrere le ore in attesa del marito. Ma non solo nei suoi confronti si manifesterà la gelosia di Arturo, una gelosia indecifrabile mista a curiosità: anche nei confronti del fratellastro con il quale sperava di poter iniziare un rapporto almeno di amicizia. Ed ecco che la casa amata diventa a poco a poco teatro di collere e ambiguità, ma quel che è peggio è che anche la figura del padre si trasforma: è un debole, un inetto, non ha nulla da offrirgli… Il fanciullo non è più un fanciullo, l’isola ha perso il suo incantesimo, e questo giovane ormai in procinto di diventare uomo lascia l’isola di Procida.
Produzione della “Compagnia del Barone Rampante” di Borgio Verezzi, musiche originali di Stefano De Meo, scene e costumi di Anna Varaldo, luci di Michele Abrate.
Il prossimo appuntamento ci vedrà tutti in Piazzetta, da giovedì 10 a sabato 12 luglio (sempre alle 21,30) per il classicissimo “Cyrano De Bergerac” di Edmond Rostand, con Filippo Dini, Antonio Zavatteri, Roberto Serpi, Alberto Giusta, Silvia Biancalana e Vincenzo Giordano, regia di Matteo Alfonso e Carlo Sciaccaluga. Zavatteri (anche regista) e Giusta nel 2009 furono a Verezzi per ‘La bottega del Caffè’ di Goldoni, che ottenne il 1° Premio Camera di Commercio di Savona l’anno successivo (riconoscimento per lo spettacolo della precedente edizione che abbia coniugato qualità dell’allestimento e recitazione con il gradimento del pubblico). Quest’anno si premierà invece, in una delle serate de Festival, ‘Uomo e galantuomo’ di Eduardo De Filippo (regia di Alessandro D’Alatri) ‘per la grande qualità dell’interpretazione, la complessità della realizzazione corale, l’idea registica di valorizzare l’ambientazione locale con la scena sul balcone e l’ampia eco mediatica sollevata anche in campo nazionale’ nell’estate 2013.

Laura Sergi

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: