Cronaca

Il “Made in Italy” dell’alta moda…ne abbiamo le tasche piene

sfilata modaSono ormai molti mesi che mi pongo – e non soltanto io – la domanda sul perché, al termine di quasi ogni telegiornale del TGI o TG2, gli stessi debbano propinarci e farci sorbolare un lungo, stressante e succulento servizio riguardante la “moda”, anzi l’ “alta-moda” dei più grandi stilisti italiani o stranieri.
Certamente l’alta-moda è uno di quei settori commerciali che consente di tenerv vivo il marchio “Made in Italy” e dia quindi indubbiamente lavoro a qualche centinaio di addetti, ma è altrettanto vero che gli italiani ne hanno le “tasche” piene di vedere e di sentire delle frivole sciocchezze che stridono fortemente con il momento che tutti stiamo vivendo economicamente e con una crisi che è ben lungi da essere accantonata.
La stragrande maggioranza delle persone fatichino ad arrivare alla fine del mese lo sappiamo tutti e non sono certo gli “80 euro” d’aumento – peraltro riservati solo a pochi – a consenrtirci di rivolgersi ai centri d’alta-moda o alle boutiques per comprare abiti e vestiti che costano ben di più dello stipendio mensile di un operaio o di un impiegato!
Provo vergogna e forse anche peggio nel vedere queste inutili e sciocche sfilate di moda, a cui assistono solo pochi ricconi, e nel sentire che tale abito costa 2000, 3000 o 5000 euro solo perché firmato da qualche stilista che va per la maggiore (evitiamo cognomi e nomi!).
In un momento in cui le persone risparmiano – i dati dell’unione consumatori perlano chiaro – perfino sul vitto e vanno a comprarsi camicie e vestiti ai mercatini rionali, veniamo ad aprrendere che certi abiti – perarltro molti sono veramente osceni per la loro bruttura – costano molti soldi e, soprattutto, che si trovano persone che comprano “alla grande” alla faccia della crisi che attanaglia la stragrande maggiornaza della popolazione.
Non sarebbe meglio – mi chiedo e ci chiediamo in tanti – smetterla di pigliarci in giro (per non dire di peggio) facendoci ammirare capi di vestiario ad appannaggio esclusivamente di una fascia di superbenestanti che – magari – neanche pagano la Tares, l’Imu o tutte le altre tasse che i cittadini di fasce meno abbienti devo invece pagare?
Non mi venite nemmeno a raccontare che tali servizi come la RAI, deve farli per “dovere d’informazione”! Le notizie da dare ai cittadini “normali” sono ben altre e ce ne ne sarebbero certamente di migliori e di più serie da dare!
Nessuno di noi ce l’ha con la moda o con i suoi indotti: come ho detto questo settore dà lavoro ad alcuni e tutto ciò è lodevole, ma … per favore… semttetela di farci vedere cose nessuno potrà mai comperarsi od avere. Finitela con queste passerelle di vanità inutili in difesa del presunto “made in Italy”.
Un servizio sulla moda è anche piacevole, ma una/due volte a mese e non quasi tutti i giorni per la sola gioia e goduria di qualche nobildonna o di qualche vecchietta straricca che nemmeno indossano la camicia da notte se non è superfirmata o fatta in esclusiva.
Con questi discorsi sulla moda, sull’alta-moda e sui abiti e sulla banchieria firmati da “tizio o caio” stiamo minando mentalmente una gioventù sempre più attaccata alla materialità o meglio frivolezze: i problemi della vita sono, purtroppo, ben diversi!

Carlo Colla.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: