Cronaca

Anziani e badanti

badanti-roma-italia-3-960x643Facendo un’analisi della situazione non può sfuggire che l’età aumenta. In Italia abbiamo circa 13.000.000 di persone oltre 65 anni. Il Nonno incontinente, non si lava, ha un brutto carattere (con l’età peggiora), si sveglia urlando…. spesso lunghe attese al pronto soccorso. L’assistenza pubblica è limitata, attraverso un call center raccoglie dati , ma manca la struttura, una rete per  l’ assistenza territoriale e aiuta circa 1% con assistenza domiciliare ( in Europa la percentuale sale al 10%), mentre il 34% delle famiglie si avvale di badante che fa un po di tutto per 6 giorni la settimana.
Il primo pensiero va al film  “quasi  amici” la cui trama si impernia sulla storia di un tetraplegico e il suo badante . Nel 1980 l’allora ministro  Donat Cattin fece fare uno studio ed emerse l’esigenza di 140.000 posti letto per l’assistenza agli anziani, trovò persino il necessario finanziamento ma poi non riusci a fare nulla; forse la vita era meno frenetica e funzionava ancora l’assistenza famigliare. Chi sono , che esperienza professionale hanno ?  Di solito sono donne, iniziano per caso, senza esperienza, anche se ormai sono migliaia e formati  a livello universitario, dalla specialità di  Geriatria con corsi di 150 ore. I centri occupazione pare che spesso preferiscono gli stranieri perchè più disponibili e meno costosi.
 In Italia i badanti sono aumentati negli ultimi tempi del 50% .
A volte  le badanti cercano o trovano rapporti sentimentali con comprensibili problemi. Pensionati si sposano,  a volte si spostano anche all’estero, nei paesi di origine delle badanti ,dove tutto costa meno, spostando le pensioni e a volte i patrimoni.
Un caso sintomatico lo si può trovare in Moldavia ove è semplice contrarre matrimonio civile (anche per eventuali rotture)  e il costo vita è di 250 euro/mese in città 100 euro/mese in campagna, favorito dalle autorità locali (per ovvi motivi di entrate di valuta). Persino funzionano uffici di patronati per assistere italiani nelle pratiche pensionistiche, far arrivare medicine, pannoloni,, di eredità …. ed una chiesa missionaria (cattolici minoranza e notevole povertà come nel sud mondo) con prete italiano.
Se la situazione non è sempre simpatica per l’Italia (per ovvi motivi finanziario-patrimoniali) non sempre è semplice per la realtà locale;  si sfasciano famiglie (ex mariti spesso nel degrado dell’alcool e figli abbandonati, costretti a crescere senza genitori)
I genitori in ogni caso devono fare possibile per dar vita e crescere figli, dopo  è giusto per i figli fare il possibile per genitori, magari  avvalendosi dell’aiuto di badanti.
            

                                                                                                                                        Pino Rosso

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: