Attualità

Occupazione in porto: bando da 180 mila euro

porto savonaCon un avviso pubblico diffuso ieri dell’Amministrazione provinciale di Savona è stata attivata una serie di azioni finalizzate sia a incrementare la professionalità dei lavoratori che operano nell’ambito del porto di Savona – Vado Ligure (con l’obiettivo prioritario di conservare l’occupazione), sia a creare figure professionali in grado di inserirsi “ex novo” nel sistema portuale. Si tratta degli obiettivi che erano stati fissati nel protocollo d’intesa sottoscritto nel dicembre scorso da Regione Liguria, Provincia di Savona, Comune di Vado Ligure, Autorità Portuale di Savona, Unione Industriali di Savona, Camera del Lavoro di Savona, Federazioni provinciali Fit-Cisl, Filt-Cgil, Uil-Utl. Alla base dell’intesa è la convinzione che, nonostante il perdurare della crisi, gli ingenti investimenti in corso sulle banchine savonesi avranno una ricaduta positiva non solo in termini economici ma anche occupazionali. Di qui l’esigenza di evitare la dispersione delle professionalità già presenti che oggi si trovano, causa crisi, ad essere sottoccupati. Con il protocollo è stata tra l’altro realizzata una banca dati – custodita dall’Authority – dei lavoratori del sistema portuale che beneficiano di ammortizzatori sociali. L’avviso diffuso ieri dalla Provincia individua, a questo riguarda, gli interventi formativi messi a disposizione di questi lavoratori, iniziative che saranno sostenute da un finanziamento di 180 mila euro reso disponibile attraverso il Fondo Sociale Europeo 2007-2013. Gli interventi sono di diverso tipo e prevedono la corresponsione di voucher formativi aziendali o a domanda individuale per lavoratori occupati, oltre ad un intervento formativo per disoccupati volto alla creazione di una figura professionale operante nel settore della logistica portuale. Tra le azioni previste, particolare rilievo assumono i corsi di formazione – riservati a disoccupati e occupati in cassa integrazione (che accedono al corso mediante voucher) – finalizzati al conseguimento della qualifica per “operatore polivalente di condotta e manovra ferroviaria”, della durata di 560 ore e che si concluderà con prove d’esame, volti a fornire agli allievi le conoscenze necessarie per sostenere l’esame di qualifica e abilitazione alla condotta dei treni. La commissione d’esame sarà composta da istruttori accreditati presso l’Agenzia Nazionale per la Sicurezza Ferroviaria. Il corso prevede l’impegno formale, da parte delle aziende del settore della portualità e della logistica che presenteranno il progetto formativo, ad assumere il 60% degli allievi abilitati. Secondo stime, il numero dei nuovi macchinisti ferroviari dovrebbe aggirarsi intorno alle 12 unità. Per essere ammessi ai corsi i candidati (muniti di diploma, di età non superiore ai 32 anni e presenti nella banca dati dell’Autorità Portuale) dovranno sostenere una prova di selezione e una visita di idoneità psicofisica. Le domande di finanziamento relative ai pianti voucher aziendali ed al progetto propedeutico al conseguimento di qualifica per disoccupati e occupati in Cig dovranno essere presentate o inviate per posta raccomandata entro il 30 settembre prossimo al Settore Politiche del Lavoro della Provincia di Savona (Legino, via al Molinero 8). Le istanze per ottenere i voucher formativi a domanda individuale dovranno invece essere presentate al Settore Politiche del Lavoro dall’1 al 3 ottobre. Tutta la documentazione si può consultare e scaricare dal sito internet della Provincia di Savona.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: