Attualità

Ad Altare design e arte nel vetro

altare vetro designQuarta edizione per Altare Vetro Design e Altare Vetro Arte, un duplice appuntamento che intende presentare alcune proposte, legate alla progettazione e alla creatività artistica, realizzate dai maestri vetrai altaresi operanti nella piccola fornace del Museo dell’Arte vetraria di Altare. Il primo appuntamento è con ‘Altare Vetro Design’ a partire da domani fino al 2 novembre. Per l’edizione 2014 è stata invitata Annalisa Cocco, designer sensibile e rigorosa, che vanta una consolidata esperienza nell’ambito della progettazione con il vetro. Nei suoi lavori lineari, puliti ed essenziali sono forti i rimandi al mondo dell’Oriente -­‐ e del Giappone in particolare -­‐ e la funzionalità è sostenuta da una grande pulizia formale. In occasione della rassegna Annalisa ha progettato una serie di bottiglie e un bicchiere, entrambi in vetro bianco. Ha realizzato le opere di Annalisa Cocco il maestro vetraio muranese Reno Bardella. Nato a Murano nel 1952, è conosciuto da tutti come Moreno, inizia il suo apprendistato in diverse fornaci, perfezionandosi poi come maestro da Ferro & Lazzarini e affrontando diverse tecniche, dal soffiato al massello. Per la sua manualità istintiva eccelle nelle dimostrazioni, ineguagliabile nella lavorazione “alla prima”. La sua esperienza lo ha spinto per cinque anni negli Stati Uniti, in Florida, dal 1987 al 1991. Inaugurazione sabato 27 settembre alle ore 17, con concerto dell’Associazione Culturale Mousiké di Cairo Montenotte: Federico Demarchi al pianoforte e Luca Soi al violino. Nelle passate edizioni Altare Vetro Design ha portato nelle sale del Museo di Altare le creazioni di Patrizia Scarzella, Enrico D. Bona con EDBstudio e Gum -­‐ Laura Fiaschi e Gabriele Pardi. Le manifestazioni, ideate da Mariateresa Chirico ed Enzo L’Acqua e promosse dall’ISVAV (Istituto per lo Studio del Vetro e dell’Arte Vetraria) e dal Museo dell’Arte Vetraria Altarese, coinvolgono designer e artisti, invitati a cimentarsi con il vetro, in un rapporto sinergico con i maestri altaresi, in un reciproco, intenso e proficuo scambio di competenze e conoscenze. Un’occasione d’incontro, di dialogo, di confronto in modo che Altare possa trasmettere e rendere ancora attuale e vivo il proprio secolare “saper fare”. Non soltanto, quindi, la tutela e lo studio del passato -­‐ di cui mirabile esempio è il Museo con la sua prestigiosa e singolarissima collezione -­‐ ma anche un’attività di ricerca legata a chi opera oggi nel mondo del vetro. il Museo di Altare si propone, quindi, come luogo di incontro e di confronto, in cui dialoga la ricerca più avanzata con la tradizione del passato.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: