Cultura e Musica

Il 10 ottobre “Suor Angelica” di Puccini al teatro Chiabrera

opera giocosa savonaSarà ‘Suor Angelica’ di Giacomo Puccini ad aprire la stagione lirica autunnale dell’Opera Giocosa al teatro Chiabrera di Savona. Due gli spettacoli venerdì 10 ottobre: alle ore 11 per le scuole, alle ore 18,30 per il pubblico. A seguire, il 17 ottobre, ‘Il segreto di Susanna’ di Ermanno Wolf-Ferrari, sempre con due spettacoli: alle 11 per le scuole, alle 21 per il pubblico. Infine, domenica 9 novembre, ecco il momento clou, con ‘Falstaff’ di Giuseppe Verdi, unico spettacolo alle 15,15 (nella foto Eleonora Buratto e Kiril Manolov). Fin qui, nulla di cui non fossimo già a conoscenza: una stagione interessante che segue a quella estiva svoltasi alla Fortezza del Priamàr, caratterizzata in primis dalla ‘Tosca’ di Puccini e dalla ‘Cenerentola’ di Gioachino Rossini. Ma le parole di Tito Gallacci, presidente del Teatro di Tradizione, in conferenza stampa mercoledì scorso con Giovanni Di Stefano, direttore artistico, e Ferdinando Molteni, in rappresentanza dell’Amministrazione comunale, rattristano l’atmosfera: brutte nuove giungono dal Ministero per i Beni e le Attività culturali, dove in futuro sarà richiesta una programmazione triennale per l’elargizione dei contributi statali per il primo anno, ma senza garantire che a questo facciano seguito i contributi per il secondo e terzo anno. Anche a livello burocratico la situazione è peggiorata; in confronto quella del quinquennio 1985-1990, solo per fare un esempio, pare idilliaca. ‘Oggi il Ministero controlla presenze e incassi (paganti, abbonamenti, omaggi, etc.)’, dice sconsolato il presidente Gallacci, che ricorda il passato, quando gli incassi non si calcolavano. A fronte di tutte queste brutte nuove, si registrano la diminuzione del contributo regionale e di quello della Fondazione De Mari… ‘Mentre la Carige – è sempre Gallacci che parla – fa prima e non lo dà più!’. Il dubbio del presidente è se convenga ancora rimanere Teatro di Tradizione, oppure rinunciare a questo titolo. La precisazione di Molteni chiarisce che ‘il Comune di Savona la sua parte l’ha fatta. Negli ultimi tre anni sono stati dati alla Giocosa 120 mila euro, aumentati quest’anno di 10 mila’. Per la cronaca, questi 10 mila in più rientrano fra i 15 mila in meno per il teatro Chiabrera. Su un tono più ottimistico il direttore artistico Di Stefano, pochi giorni fa al teatro Petruzzelli di Bari per la Prima del ‘Cappello di paglia di Firenze’, di Nino Rota (a Savona nel novembre 2011). Il successo strepitoso che si è avuto anche in Puglia (dopo Como, Brescia, Cremona, Pavia e Rovigo) per uno spettacolo che vede l’Opera Giocosa fra gli artefici, lo ha inorgoglito e cerca di trasmettere pure ai presenti in sala il messaggio di quanto il nostro Teatro di Tradizione sappia far nascere spettacoli importanti e belli. ‘Fanno storia, ad esempio, ‘Il Furioso all’Isola di San Domingo’ (a Savona nell’autunno scorso): miglior spettacolo della stagione al teatro di Modena!’, dichiara con soddisfazione il maestro. Ha iniziato dicendo: ‘Noi non abbandoniamo la barca’ e dentro quel ‘noi’ ci sono tutti coloro che si prodigano in favore del nostro Teatro di Tradizione. ‘Siamo disincantati e filosofi, orgogliosi di quel che facciamo’, così termina il suo intervento appassionato Di Stefano. L’ultimo intervento è di Gustavo Malvezzi, che si occupa del ‘Progetto Scuole’ da sedici anni. ‘Il melodramma è ostico anche per i ragazzi del Conservatorio – dichiara -. Però i giovani sono disposti ad accettare in una canzone quei termini così innaturali che caratterizzano le opere. Occorre cercare di far breccia su qualche elemento, e in breve tempo ecco che viene contagiato tutto il gruppo…’. Appuntamento quindi al 10 ottobre, con ‘Suor Angelica’, un toccante atto unico su libretto di Giovacchino Forzano, sotto la regia di Luca Ferraris; progetto in collaborazione con il Conservatorio di musica G. Puccini della Spezia.

Laura Sergi

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: