Attualità

Caro sport, quanto mi costi?

sport genericaOggi non si fa altro che parlare di “caro vita”: “caro libri” per le famiglie che mandano a scuola i loro figli, “caro bollette”, “caro affitto”, “caro vitto”, ecc. Ma oggi si parla anche di “caro sport”! Per far fare attività fisica ai loro figli le famiglie sono inevitabilmente costrette a pagare una quota associativa alle società sportive che, essendo associazioni puramente dilettantistiche non a fini di lucro, vivono e riescono ad andare avanti nelle loro attività solo ed esclusivamente con le entrate derivanti dalle quote versate, appunto, dalle famiglie. Mediamente, la quota associativa annuale varia dai 300 ai 400 euro, a seconda delle discipline sportive. Di primo acchito, può sembrare una cifra alta e, certamente, per moltissime famiglie rappresenta un esborso assai problematico: va detto, però, che i sodalizi sportivi, con tale somma, devono provvedere a pagare tecnici e allenatori, a versare le notevoli tasse federali per lo svolgimento dei campionati, all’acquisto del materiale sportivo che fa registrare aumenti continui, a pagare l’utilizzo degli impianti sportivi (palestre, campi, piscine, ecc) che vengono utilizzati giornalmente per lo svolgimento e la preparazione delle squadre. Inoltre, le società sportive devono affrontare le spese relative alla loro sede e alle trasferte per tornei e campionati, nonchè all’organizzazione di eventi sportivi. Tutto sommato, la somma annuale richiesta (solitamente versabile in due rate) non è affatto alta, anzi. Il vero problema sta nel fatto che molte famiglie questi soldi proprio non ce li hanno! Diventa un problema anche etico che, in qualche modo, va risolto per non far sì che molti giovani non possano accedere allo sport e alla società sportiva che gradiscono frequentare. Mi pare ovvio e scontato che non debbano essere i ragazzi a patire di questa situazione: fare dello sport, credo, sia un sacrosanto diritto sancito anche dalla corte europea. Ma, venendo al dunque, se una famiglia non può affrontare una tale spesa, come si risolve praticamente il problema? Molto semplice. O le società sportive non accettano la partecipazione del ragazzo/a in palestra, o le stesse se ne fanno carico accettandone l’iscrizione a titolo gratuito. E fin qui tutto potrebbe anche funzionare. Due, tre, quattro ragazzi/e che non pagano la quota non sarebbe certo un problema insormontabile per le società: il fatto è che, da qualche anno, le famiglie che non sono in grado di dare il loro contributo economico alle società sportive sono notevolmente aumentate. In alcuni sodalizi sportivi la percentuale dei “non paganti” è salita fino al 30-40%. Nel piccolo bilancio di un club sportivo, il tutto comincia a essere dannatamente rilevante e, per certi casi, anche inaccettabile. Alcuni genitori, a loro “tanto di cappello”, trovano modo e maniera di dire chiaramente che la loro situazione economica famigliare non consente loro di poter pagare la quota, altre si limitano a non pagare il dovuto senza dire nulla, facendo, come si suol dire, “finta di niente”. Questa, tutto sommato, è la situazione più antipatica: la società sportiva in questo caso si sente presa in giro anche se, quasi mai, si prende il lusso di allontanare dalla palestra il ragazzo/a, inconsapevole e certamente non colpevole. D’altra parte, sarebbe una vigliaccata allontanare l’atleta dalla società solo perchè la famiglia non versa la quota associativa. Chi dovrebbe pensare a reintegrare questi soldi nelle casse delle società sportive? Il Coni forse? Oppure il comune? Oppure i servizi sociali del comune stesso? Tutto passa in “cavalleria” o, come si suol dire, “sotto silenzio”! La realtà amara è che le famiglie che non possono pagare continuano a non pagare e le società sportive, svolgendo una fondamentale e importantissima funzione sociale troppo spesso non riconosciuta, continuano a tenere nel proprio seno i ragazzi/e ben comprendendo che a loro nulla è imputabile e che, per essi, lo sport è un’esigenza primaria che non va tolta o negata. Un discorso, questo, che meriterebbe un approfondimento maggiore e, comunque, una soluzione a vantaggio dei sodalizi sportivi, ma, soprattutto, a vantaggio dei ragazzi ai quali, se leviamo anche lo sport, resta veramente ben poco!

Carlo Colla

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: