Lettere alla redazione

Gli italiani e la legge elettorale

Da mesi, anzi, da anni, sentiamo parlare di legge elettorale, di sbarramenti, di doppi turni, d’astruserie che gli italiani capiscono poco e, tutto sommato, non gliene importa granchè. Possibile che i nostri politici non riescano a capire che agli italiani interessa di avere una classe politica, preferibilmente scelta e non nominata, capace, efficiente e non corrotta che si occupi in primo luogo dei problemi della gente e non di giochini di potere? Non pensano che il consenso lo procurano le idee, il buon governo, l’esempio e non il modo più o meno complicato con cui si va a votare? Non pensano che gli italiani si sentono ancora una volta presi per i fondelli perchè il nuovo Senato sarà eletto dai Consiglieri Regionali (magari indagati) e che questo fatto li allontanerà ancora di più dal voto e dalla politica? Ancora una considerazione a proposito di buoni esempi da dare agli italiani. Matteo Renzi ha invitato chi venisse a conosce di fatti illeciti compiuti da politici a salire le scale dei tribunali per andare a denunciare chi li ha compiuti. Due giorni dopo, la commissione parlamentare Affari Costituzionali ha proposto l’immunità per i senatori. I politici pensano che agli italiani piacerà di più una politica che finalmente si autodenuncia, o quella che, come sempre, immancabilmente, si autoassolve?

Infine, mi permetto di dare un consiglio. Se non riuscite a mettervi d’accordo sulla legge elettorale (perchè avete paura di favorire gli avversari o di non essere più eletti o nominati), fate una bella cosa. Mettete in un vaso dei bigliettini con su scritto: francese, inglese, spagnola, tedesca, americana e fate tirare a sorte dalla mano benedetta di Papa Francesco. Agli italiani andrà bene qualsiasi legge elettorale, basta non sentirne parlare mai più.

Gianni Birello

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: