Cultura e Musica

Questa sera secondo appuntamento con l’Opera Giocosa

Anna Delfino La Contessa Susanna teatro opera giocosaRosso è lo spolverino di Susanna, rosso il suo cappellino frou frou, rosso il fazzoletto del conte, l’ombrello e pure la cravatta di Sante, rosso il divano, i libri impilati sul tappeto, le tazze della cioccolata. E su tutto il salotto, in caratteristico stile Ikea, aleggia un odore acre, misterioso. “L’odore c’è”. Un amante fumatore? La gelosia, incontenibile, esplode. Il Segreto di Susanna, intermezzo in un atto di Ermanno Wolf-Ferrari su libretto di Enrico Golisciani, va in scena al Teatro Chiabrera di Savona questa sera alle ore 21.00, dopo aver debuttato per le scuole in mattinata. Cast: Anna Delfino (La Contessa Susanna), Filippo Morace (Il Conte Gil), Giancarlo Enrico (Sante servitore muto). Regia di Maurizio Sguotti, scene e costumi di Francesca Marsella. Massimiliano Piccioli dirige l’ Ensemble Strumentale del Teatro dell’Opera Giocosa. Produzione e allestimento Teatro dell’Opera Giocosa ONLUS di Savona. Felice connubio fra tradizione lirica italiana e modello di orchestrazione tedesco, Il Segreto di Susanna ha uno stile personalissimo, fatto di ascendenze settecentesche – palesi sono i riferimenti a La Serva Padrona di Pergolesi – richiami umoristici di tipo rossiniano, tracce di liederismo e influenze del classicismo viennese, tanto Mozart (La Contessa Susanna riassume, nel proprio nome, due personaggi de Le nozze di Figaro) con in più ampie pennellate di cantabilità tutta italiana accanto a momenti di declamato alla maniera verdiana. Insomma, di tutto un po’. Una sintesi molto arguta e sapiente che ha permesso a Wolf-Ferrari di creare lavori gradevolissimi e di grande valore artistico, specie proprio nel genere dell’intermezzo buffo, cui appartiene appunto il Segreto (forse la sua opera più fortunata). Da sottolineare, oltre all’aspetto musicale, il valore ideologico: un rifiuto, da parte dell’autore, degli aspetti deteriori contemporanei e della moda artistica in voga a quel tempo, fatta di tinte fosche e angoscianti. Wolf-Ferrari guarda ad un mondo diverso e, con una predilezione per i toni della commedia musicale, si rivolge appunto al Settecento, in particolare a quello goldoniano: basti pensare ai due lavori che di poco precedettero Il Segreto – e che di certo lo influenzano – ossia Le donne curiose (1903) e I quattro rusteghi (1906). La biglietteria, presso il Teatro Comunale Chiabrera, P.zza Diaz, 2 – Savona, avrà i seguenti orari: dal LUNEDÌ al SABATO dalle ore 10 alle ore 12 e dalle ore 16 alle ore 19; sarà comunque possibile acquistare il biglietto un’ora prima dello spettacolo e direttamente on line sul sito www.operagiocosa.it Per informazioni, telefonare al numero 019 8485974 oppure al numero 366 6726682. Opzione Last Minute. Mezz’ora prima dello spettacolo si potrà acquistare il biglietto ridotto al 50% del prezzo intero di vendita. Il numero dei biglietti a disposizione e l’ubicazione del posto a sedere sono a discrezione del Teatro. Il biglietto last minute è disponibile esclusivamente nei giorni di spettacolo presso la biglietteria del Teatro Chiabrera.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: