Attualità

Mafia Capitale

mafia capitaleL’agenzia del crimine a Roma risorge “come l’araba fenice” sulle ceneri ,della famosa, negli anni 92/93, “Banda della Magliana” Anzi sembra proprio la stessa guidata dal ”er guercio” o dir si voglia “er cecato” per via di un occhio perso in uno scontro a fuoco, che la guida circondato da “bufalo, negro, accattone…” appoggiandosi sul Mondo di mezzo, mondo ove anche i “colletti bianchi” (gerarchie politiche, religiose, militari….) devono trovare linfa se vogliono sopravvivere. Mafia Capitale aveva un rapporto proveniente da lontano, previlegiato a destra. Con il passare del tempo i collegamenti sono diventati, come pare stia emergendo dalle indagini, via via sempre più trasversali. Continua però a seguire il sistema collaudato da quel De Petris, che certamente sarebbe diventato un grande personaggio, forse grande politico. Infatti era tanto abile ed importante da iniziare incensurato e, dopo essere morto ammazzato, da venir sepolto in chiesa. Nonostante i sequestri effettuati al cassiere (pare si trattasse di spiccioli in soldi e immobili), importanti elementi consentono di credere che il tesoro della vecchia banda della Magliana era ancora integro tale da consentire alla nuova una certa autonomia operativa. Scambi di favori hanno permesso al crimine di crescere e ai politici, in contropartita emergere Collegamenti e appoggi pare, siano stati riscontrati anche con gruppi malavitosi o mafiosi di Campania, Calabria e Sicilia. Indagini stanno mettendo in luce che Banda della Magliana = Mafia Capitale e pare presente in importanti operazioni economiche di appalti pubblici (Finmeccanica, Atac…), ma anche nel mondo della droga, nell’accoglienza immigrati, nei campi nomadi o in iniziative commerciali con apertura di grandi magazzini, bar, ristoranti, e persino nel delitto Pecorelli. Esempio tipico di commistione potrebbe essere, come pare, la presenza nella gestione di un campo profughi in Sicilia che, dopo la chiusura della Fiat, è con i suoi 400 lavoratori impiegati, la più grossa impresa dell’isola.
Se l’Italia è al 90 posto per l’attuale livello di corruzione, riducesse almeno al livello di Spagna 53 posto, il Pil potrebbe aumentare di 0.6%. Molto utile, tenuto conto che abbiamo circa 8.5 milioni senza lavoro (disoccupati, part time involontari, scoraggiati che non cercano occupazione…). Dall’alto della sua esperienza, una cosa buona “er cecato” l’ha fatta; infatti da quanto si può ascoltare da una intercettazione, per prevenire i ladri consiglia, per difendersi di non compare serrature pubblicizzata da giornali o Tv: “Di quelle hanno già fatto passapartout, molto meglio una serratura con impronta digitale e i ladri sono fregati”. E’ questione di educazione culturale più che politica, comunque ovviamente esiste responsabilità di vigilanza anche se non interesse personale “Vigilare, vigilare.

Pino Rosso

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: