Cultura e Musica

Al Carlo Felice la “Tosca”

tosca carlo felice genovaPer le feste natalizie il Teatro Carlo Felice ha messo in scena Tosca di Giacomo Puccini, tra i melodrammi più amati e popolari. Ad oltre un secolo dalla prima rappresentazione, l’opera, tratta dal dramma omonimo (1887) di Victorien Sardou, ed ambientata nella Roma papalina in subbuglio del 1800, nulla ha perso della forza della sua vicenda a tinte fosche. Anzi, come fa notare il regista Davide Livermore, in essa l’intreccio drammaturgico e “ i versi di Giacosa e Illica (i fratelli Coen di un secolo fa), uniti alla capacità di Puccini di servire la parola e definire lo spazio emotivo dell’azione, plasmano una proto-sceneggiatura cinematografica, dove armonia e poesia creano un flusso narrativo degno di un classico thriller hollywoodiano”. Ed echi del grande cinema di Magni, Hitchcok, Wenders, Fellini, si ritrovano nel riuscito allestimento. Il talentuoso Livermore, a cui si devono anche scenografia e luci (mentre i bei costumi sono di Gianluca Falaschi), ha ideato una scena rotante, che trasporta l’azione dalla Chiesa di Sant’Andrea della Valle, dove Cavaradossi dipinge ed incontra l’amico in fuga, alle Stanze di Palazzo Farnese, dimora del perfido barone Scarpia, fino a Castel Sant’Angelo, luogo iconico in cui la tragedia, con la fucilazione dell’eroe e il suicidio di Tosca, si compie. Le melodie di grande effetto, “Vissi d’arte”, “Recondita armonia”” E lucean le stelle”, hanno incantato il pubblico che ha apprezzato particolarmente le voci degli interpreti del cast del 21 dicembre, tra cui Susanna Branchini, una Tosca appassionata e affascinante, il tenore coreano Rudy Park, che ha restituito un Cavaradossi pieno di forza ed espressività, e il malvagio Scarpia di Elia Fabbian. Impeccabile l‘esecuzione dell’Orchestra del Carlo Felice, diretta dal maestro Stefano Ranzani, nome di prestigio, tra i più ricercati del panorama internazionale.

Claudia Sugliano

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: