Attualità

L’omelia del vescovo nel “Te Deum” di ringraziamento

vittorio lupiInizia con una riflessione sul tempo e una citazione biblica e si conclude con un ringraziamento al Signore e un’invocazione alla Madre di Misericordia l’omelia del vescovo Vittorio Lupi per il “Te Deum” svoltosi la sera del 31 dicembre in Cattedrale. Il Vescovo ha usato parole forti in particolare a riguardo della situazione internazionale elencando tutti i drammatici fatti legati al 2014 a partire dalla guerra dell’Isis senza dimenticare la crisi ucraina, la sempre critica situazione fra Israele e Hamas, i rapimento delle 200 ragazze da parte di Boko Haram in Nigeria e ovviamente le tante vittime del virus Ebola che ha colpito duramente in Africa, ma non solo. Quindi, volgendo lo sguardo alla realtà locale, deciso il monito del presule sulla situazione del dissesto idrogeologico che vede la Liguria fra le regioni più fragili e più colpite, anche l’autunno scorso, da alluvioni e frane. “ Alluvioni, frane dissesto idrogeologico (ricordiamo la tragedia sfiorata col treno deragliato in bilico ad Andora e lodevolmente ricuperato da un’impresa della nostra zona) tragedie spesso causate da cementificazione o incuria. Qui vicino a noi, sempre a causa del maltempo abbiamo avuto l’alluvione che ha riguardato soprattutto Genova, Chiavari e Parma, ma che ha anche colpito anche altri centri come Albenga e, da noi, almeno in parte, Albissola. Per fortuna senza vittime, ma con notevoli danni. Per quella circostanza abbiamo anche fatto una raccolta che ha avuto una risposta generosa. Abbiamo raccolto dalle comunità parrocchiali circa 20.000 euro che, in accordo anche con la diocesi di Genova, daremo alla Caritas di Chiavari per interventi di sostegno alla popolazione che ha avuto danni – ha spiegato il vescovo Lupi – dobbiamo ringraziare il Signore che, salvo la realtà di Albissola, da noi non ci sono stati gravi danni. Alcuni comuni dopo le alluvioni degli anni precedenti si sono impegnati ad opere di bonifica e prevenzione. Ovviamente è questa la strada verso la quale gli enti pubblici devono orientarsi, ma anche tutti noi dobbiamo educarci ad una mentalità di rispetto dell’ambiente: le ultime generazioni che ci hanno preceduto e anche la nostra non hanno avuto questa sensibilità e le conseguenze purtroppo son disastrose”. Il vescovo ha anche fatto il punto sull’anno 2014 della Chiesa di Savona-Noli: “Tra i fatti positivi in diocesi abbiamo avuto una Ordinazione sacerdotale, Don Alessio Allori, che ora svolge il suo ministero come vice parroco nell’unità pastorale di Varazze, ci sono state tre ammissioni al Presbiterato, tre giovani che frequentano il nostro seminario e si preparano a diventare sacerdoti: sono Daniele Semeraro, Luis Becerra e Cristian Donghi. Il lavoro pastorale fatto nella diocesi è stato soprattutto quello di stimolarci tutti: sacerdoti e i laici ad una maggior consapevolezza dell’appartenenza alla Chiesa locale, alla corresponsabilità e ad una effettiva collaborazione nell’affrontare insieme i problemi della pastorale. C’è un impegno a valorizzare le vicarie come centro propulsore che aiuti i sacerdoti e laici di quella zona a collaborare”. Il vescovo ha poi ricordato i recenti spostamenti dei parroci lodando la disponibilità di sacerdoti e comunità coinvolte: “Questo avvicendarsi non è esente da fatica e a volte da sofferenza, ma avviene sempre con una grande generosità e disponibilità dei sacerdoti che qui desidero ringraziare per la lodevole testimonianza di disponibilità e di amore al bene Chiesa e non a quello personale. Anche le comunità parrocchiali, trascinate da questo esempio dei sacerdoti, danno testimonianza di una buona accettazione (anche se giustamente un po’ sofferta) di questo avvicendarsi dei loro pastori”. Monsignor Lupi si è poi soffermato sulla situazione di crisi economica e sulle contromisure che la diocesi, attraverso Caritas, è da anni impegnata a portare avanti sul territorio: “Sempre tra i fatti positivi c’è stato soprattutto l’impegno della Caritas per andare incontro alle numerose situazioni di disagio e povertà – ha affermato il presule – questa crisi ha i suoi risvolti locali e la sperimentiamo ormai da troppi anni. Proprio sei anni fa, in questa stessa circostanza, alla fine del 2008, lanciavamo l’iniziativa del Fondo Emergenza Famiglie, al quale c’è stata una risposta generosa da parte di molte persone sensibili, delle comunità parrocchiali, delle associazioni cattoliche, dei Clubs Service, che ha permesso di aiutare molte famiglie in difficoltà. : dal 2008 abbiamo complessivamente raccolto 814.000 euro ed erogato 620.000 euro a circa 1400 persone o nuclei famigliari a fronte di 4000 ascolti circa. In questi sei anni, a fronte di una media nei primi cinque anni di offerte annuali di circa 145.000 €, in quest’ultimo anno, sono stati raccolti 86.000 euro: segno che la crisi aumenta, o che forse a causa del suo protrarsi siamo diventati meno sensibili alla esigenze di chi è in stato di assoluta necessità economica, oppure ancora che la crisi investe molto anche chi in passato poteva fare offerte e ora non può più permetterselo. La situazione della povertà registrata dai nostri Centri di Ascolto sparsi su tutto il territorio della Diocesi risulta sostanzialmente invariata rispetto allo scorso anno, nel quale già era stato segnalato un aumento del 22% di richieste ai nostri servizi: il fenomeno continua ad essere meritevole di interesse e preoccupazione”. Un accenno infine all’impegno sull’emergenza abitativa lanciato nei mesi scorsi: “Quest’anno abbiamo avviato il lavoro della Commissione Casa come risposta concerta all’emergenza abitativa: è il tentativo di mettere a sistema in nostri beni in vista di un utilizzo sociale e solidaristico. Abbiamo già realizzato alcuni progetti ristrutturando case di proprietà di parrocchie e enti diocesani mettendoli a disposizione per l’emergenza abitativa. Prossimamente avvieremo alcuni nuovi progetti significativi che saranno ulteriore segno della nostra attenzione su questo bisogno del territorio”.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: