Cronaca

Bocciato in Regione il by-pass di Capo Noli

capo noli_bergeggi_varigottiBattuta d’arresto per il progettato “by pass” alla via Aurelia tra Noli e località Malpasso. Questa mattina è arrivato sul tavolo della giunta regionale il pronunciamento negativo di compatibilità ambientale per un’opera che già in partenza si era annunciata complessa sia dal punto di vista tecnico ed economico (circa 50 milioni di euro il costo preventivato) sia sotto il profilo della tutela del territorio. La progettazione, commissionata dall’Anas, affidata a Infrastrutture Liguria Srl (società della stessa Regione Liguria) e ancora in fase “aperta” in quanto vengono proposte diverse soluzioni di tracciato sotto il promontorio di Capo Noli, dovrà probabilmente prendere in considerazione ipotesi diverse. A rendere ancor più difficoltosa la ricerca di una soluzione sono le caratteristiche geologiche strutturali della roccia, che risulta soggetta a fratturazioni e che ha provocato in passato ripetuti movimenti franosi con periodiche interruzioni della circolazione sulla via Aurelia. Di qui la necessità di prevedere soluzioni “sicure” soprattutto in corrispondenza con lo sbocco della galleria a ponente (verso Finale Ligure), con l’individuazione di almeno sei diversi punti di rientro sulla sede attuale dell’Aurelia, ognuno con i suoi pregi e i suoi problemi. Fermo restando l’imbocco a levante in prossimità dell’Hotel Capo Noli, sono stati ipotizzati percorsi “lunghi” e percorsi “corti”, con possibili uscite comprese tra la periferia di Varigotti. Presa in considerazione anche la cosiddetta “opzione zero”, ovvero il mantenimento della sede stradale attuale, su cui tuttavia sono possibili solo interventi di rafforzamento del sistema di difesa paramassi e del sistema di prevenzione attivo, che imponga la chiusura della strada in caso di potenziali e incipienti cadute di materiale dal fronet roccioso.
“Il progetto del tunnel di Noli rimane una nostra priorità – ha commentato l’assessore alle Infrastrutture Raffaella Paita –  Siamo al lavoro per superare le criticità emerse dal comitato VIA. A breve incontreremo Anas e i nostri progettisti per fornire tutti i chiarimenti richiesti dal comitato stesso, chiedendo il riesame della pratica”. “Continuiamo a pensare – ha detto Paita – che il tunnel sia l’unica vera soluzione per scongiurare continue interruzioni dell’Aurelia in caso di maltempo, cosa che costituisce un danno per cittadini e imprese della zona. Una volta realizzata l’opera, il riutilizzo del Capo come passeggiata ciclo pedonale rappresenterebbe poi un’occasione importante per il rilancio turistico della zona, anche nell’eventualità di limitazione all’utilizzo nelle giornate a rischio”. L’assessore  si è detta “consapevole degli altri fenomeni franosi che insistono sul Malpasso” e convinta “della necessità di progettare un intervento specifico anche per questa zona come peraltro si dovrà fare per l’area di Finalpia dove si è verificata l’ultima frana”. Partendo da questi presupposti l’assessore Paita ha comunicato che presenterà “le nostre argomentazioni e eventuali ulteriori approfondimenti per arrivare a un parere VIA auspicabilmente positivo”.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: