Economia

Perchè la Grecia non esce dall’Euro

Grecia ed euroIl 25 gennaio scorso si sono tenute in Grecia le elezioni politiche vinte dalla Coalizione di sinistra radicale “Syriza” che ha ottenuto il 36,34% dei voti. Nel programma elettorale del leader di Syriza, Alexis Tsipras, vi erano ai primi punti la sospensione del pagamento del debito pubblico sino a quando l’economia greca si sarà ripresa, esigere dalla UE un cambiamento del ruolo della BCE affinché finanzi direttamente gli Stati ed i programmi di investimento pubblici, mettere un’imposta del 75% su tutti i redditi superiori a 500.000 € l’anno, sottoporre a referendum tutti i trattati internazionali (quindi anche quello sulla moneta unica Europea) ed altre amenità del genere. Il 26 gennaio Tsipras (leader di Syriza: partito di estrema sinistra) ha formato il Governo governo di coalizione con ANEL – Partito dei Greci indipendenti, formazione di estrema destra ( coincidentia oppositorum!) e sono incominciate le trattative con la UE caratterizzate dall’urgenza della Grecia di avere almeno 5 miliardi di Euro di finanziamenti entro la metà di aprile prossimo perché entro quella data il Governo greco non avrebbe più avuto liquidità sufficiente per le spese correnti. Sembra di vedere, in grande, la vicenda del Parma-calcio, cui bastavano solo 5 milioni di € per non dichiarare fallimento e rischiare di essere cancellata dalla Lega calcio. Tsipras e Yanis Varoufakis, il pittoresco ministro dell’economia greco, sono venuti a trattare con la UE facendo la voce grossa, minacciando di uscire dall’Euro, chiedendo alla Germania di pagare 160 miliardi di danni di guerra e chiedendo la sospensione del programma di riforme da effettuarsi da parte del Governo greco previsto dalla cosiddetta “troika”. La “troika” è un team di tecnici mandato dalla UE a verificare sul posto lo stato dei conti greci e a verificare la congruità dei programmi di governo della Grecia e stabilire una serie di interventi da realizzarsi per diminuire il debito pubblico greco e risanare il conto finanziario, pena l’interruzione del piano di aiuti già concordato con il Governo greco precedente a quello di Tsipras. La troika è composta da esperti indicati dalla UE, dalla BCE e dal FMI. Il primo risultato tangibile che, con il loro atteggiamento, Tsipras & C. hanno ottenuto è che il FMI ha rifiutato qualsiasi finanziamento alla Grecia, la BCE ha sospeso i pagamenti già programmati ed ha tenuto la Grecia fuori dal quantitative easing, gli altri Paesi membri (tutti, Italia compresa) non hanno concesso la sospensione del pagamento del debito greco. Il motivo è semplice: il programma presentato da Tsipras era vago e privo di credibilità ed i Paesi membri della UE sono tutti, chi più chi meno creditori della Grecia. L’Italia, nel suo piccolo, ha prestato alla Grecia qualcosa come 65 miliardi di Euro; senza un programma di riforme credibili, la sospensione del pagamento del debito pubblico greco avrebbe, per il bilancio italiano, l’effetto di una sopravvenienza passiva con un incremento del deficit di 65 miliardi di debito pubblico, per coprire il quale occorrerebbero circa 3 manovre economiche durissime.
A due mesi dalla formazione del Governo Tsipras, dopo innumerevoli riunioni ristrette e allargate con i vertici della UE pare che si sia raggiunto un accordo, nel quale l’unico risultato tangibile che Tsipras ha ottenuto è quello che i programmi greci non saranno più sottoposti al vaglio della cosiddetta Troika , ma da una “Commissione Europea” (guai ad usare il termine troika) composta da Membri della UE, della BCE e del FMI (forse per delicatezza eviteranno di mandare le stesse persone, ma come si dice in aritmetica invertendo l’ordine dei fattori il prodotto non cambia!).
Tsipras a questo punto si è impegnato a presentare un piano di riforme preciso con tempi di attuazione da sottoporre all’esame della “Commissione”.
Perché Tsipras ha ceduto?
1°) Nelle 48 ore successive alle elezioni i depositi bancari greci si sono ridotti del 50% e ogni volta che una notizia non favorevole viene dall’Europa i greci si precipitano ai bancomat a ritirare quanto più possono dei loro risparmi.
2°) Dai Paesi UE Tsipras non ha ottenuto nessuna solidarietà ed ha dovuto vedersela da solo con la Merkel, con Wolfgang Schaeuble, il suo potente ministro dell’economia che, come tutti i tedeschi, non è dotato di senso dell’umorismo e con Hollande che pensa solo al debito pubblico Francese, oggi fuori dai parametri perchè supera il 4% del PIL.
3°) Hollande poi, ha sicuramente spiegato a Tsipras che tassare al 75% i patrimoni sopra i 500.000 € mensili è una sciocchezza che lui aveva già fatta, avendo varata (appena eletto) una norma simile che, dopo due anni, ha dovuto ritirare perché il gettito era inadeguato e le reazioni negative troppo forti e generalizzate.
4°) La Grecia ha un prodotto interno lordo di circa 145 miliardi annui ed un debito pubblico pari al doppio del PIL ( un po’ meno di 285 miliardi). Lo spread fra il rendimento dei titoli di stato greci e quello dei bund tedeschi in qualche momento, negli ultimi giorni, ha persino superato quota 1.000 che è considerato un punto critico di rottura del sistema [ricordo che in Italia a 577 punti cadde il Governo Berlusconi e oggi -21.03.2015 – siamo a quota 87).
5°) La minaccia di uscita dall’Euro è una cosa cui non credono neppure Tsipras e Varoufakis visto anche che ogni volta si parla di uscita dall’Euro in Grecia si crea il panico, con relativi assalti ai bancomat ecc.!
6°) Con la mossa di Draghi di far acquisire alla BCE circa 1.300 miliardi di titoli di Stato dei Paesi aderenti all’UE, la minaccia di uscire dall’Euro di un paese come la Grecia è una pistola scarica in quanto la Grecia farebbe default e non pagherebbe più i debiti, ma la BCE assorbirebbe gli insoluti greci posseduti dai Paesi aderenti all’Euro, inserendoli nel suo patrimonio e consolidandoli, probabilmente sotto la voce di “partite incagliate” come fanno tutte le banche nei confronti di clienti insolventi ma di rispetto.
Il quantitative easing ha come fine dichiarato quello di creare liquidità nei Paesi aderenti all’Euro, al fine di far ripartire i crediti e, conseguentemente, gli investimenti ed i consumi. Tuttavia, secondo me, c’ è anche una finalità non dichiarata ( e non dichiarabile) ma del tutto evidente (è per questo che i tedeschi erano contrarissimi): il q.e. è un modo per consolidare una parte dei debiti dei paesi a più alto volume di indebitamento. Se la Grecia esce dall’Euro nessuno consoliderà più una parte del suo debito e quindi sarà sola con i suoi problemi.
Va detto anche che, per verità, la ricetta che la troika aveva imposto alla Grecia, non è sbagliata in sé; l’errore sta nei tempi previsti per la realizzazione delle riforme necessarie e le misure indispensabili per riportare il bilancio dello Stato greco in pareggio. La Grecia è un paese dove il comparto pubblico ha un peso enorme sul bilancio dello Stato essendo una nazione che vive quasi esclusivamente di agricoltura e servizi (soprattutto turistici). L’industria è prevalentemente quella alimentare legata all’agricoltura e solo recentemente sono nate industrie nel settore chimico di una certa importanza. Per riportare il bilancio in pareggio bisogna tagliare moltissimi posti di lavoro riducendo i dipendenti pubblici, ma questa misura deprime i consumi ed aumenta la disoccupazione. Ecco perché la Grecia deve liberalizzare molti servizi (oggi gestiti dalla mano pubblica), deve ridurre i trattamenti pensionistici che oggi sono troppo favorevoli e gravano troppo sul bilancio statale, ecc..
E’ evidente, quindi, che era necessario concedere alla Grecia più tempo per risanare i propri bilanci, ricordando anche che per entrare nell’Euro la Grecia falsificò i propri bilanci esponendo entrare inesistenti. Ed è questo dei motivi per cui la Grecia ha anche gravissimi problemi di liquidità.
Le ultime notizie che trapelano dagli incontri riservati, sulla questione greca in sede UE pare si sia trovato un accordo stralcio dove a fronte della concessione dei pochi miliardi di Euro di prestiti da parte della BCE, Tsipras presenti un piano dettagliato completo di un cronogramma per alcuni riforme immediate.
La cosa che è apparsa chiara a tutti, seguendo la vicenda greca, è che dall’Euro possono uscire solo i Paesi ricchi (che non lo faranno par un apprezzare troppo la loro moneta ed avere difficoltà ad esportare i loro prodotti), mentre per i Paesi con forte debito pubblico come la Grecia, l’Italia ecc. l’uscita dall’Euro sarebbe un dramma incalcolabile.
Il perché di questo, chi fosse interessato, lo potrà leggere nel nostro prossimo articolo.

Lorenzo Ivaldo

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: