Cronaca

Trasferimento della ex Zinox di Vado a Ferrania

zinox ferraniaPrima conferenza dei servizi, giovedì 9 aprile nella sede dell’Amministrazione provinciale di Savona, per l’avvio dell’ iter di rilascio dell’autorizzazione integrata ambientale finalizzata al trasferimento dell’attività dello stabilimento Zincol Ossidi (ex Zinox) di Vado Ligure sulle aree industriali di Ferrania. La riunione avrà carattere illustrativo ma segna l’inizio delle procedure insediative dopo che la società – che fa parte del Gruppo Colombo di Milano – ha presentato allo sportello Attività produttive di Cairo Montenotte l’istanza per l’approvazione del progetto. Su un terreno di circa 4 ettari, tra la località Marcella e i primi edifici di Ferrania Technologies, è prevista la realizzazione del capannone produttivo e di una palazzina per uffici. L’azienda, controllata dal gruppo Cogefin che fa capo all’imprenditore milanese Felice Colombo, ex presidente del Milan, intende con questo investimento rafforzare le proprie produzioni di ossido di zinco, composto usato nell’industria della gomma e della ceramica ma anche, nella sua qualità più raffinata, in produzioni delicate quali farmaci, cosmetici, oli lubrificanti. Lo stabilimento di Vado Ligure, è in attività dal 1904 quando con il nome di “G.B. Gualco” iniziò a fondere i minerali di zinco estratti dalle miniere della Sardegna. Successivamente si trasformò in Gualco – Pertusola e poi Pertusola, fino al 1988 quando fu rilevata da Felice Colombo. L’attuale sede, in località Murate (20 mila metri quadrati di superficie di cui 8 mila coperti) non può essere ulteriormente ampliata in quanto stretta tra la ferrovia e l’Aurelia. Con l’avvio dell’operazione Ferrania, già nel 2010, è stato richiesto al Comune di Vado Ligure la trasformazione dell’attuale sito da area industriale a residenziale, per recuperare le risorse finanziarie occorrenti per la ricollocazione.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: