Attualità

Canottaggio cerca fortuna a San Miniato

canottaggioDopo le due gare di Genova saltate per maltempo, l’allenatore Franco Badino e il D.T. Pignone hanno deciso di portare i canottieri della Lega Navale savonese a cercare maggior fortuna in Toscana, a San Miniato, in una regata che non era nel programma del gruppo ma divenuta importante per riuscire a far competere i cinque giovani atleti, che sono rientrati dalla trasferta pisana con una medaglia d’oro e tre di bronzo.

Sul gradino più alto del podio è salito anche questa volta Giona Piccardo che, nella sua gara del singolo 7,20 Allievi B1 1.000 metri, ha inflitto quasi cento metri di distacco agli atleti della Can. Civitavecchia, VV.F. Tomei di Livorno e Giacomelli.

Ottima la medaglia di bronzo conquistata dall’esordiente Marcella Sabatelli, che ha chiuso la gara del singolo 7,20 Cadetti 1.500 metri dietro alle atlete del Rowing Club Genovese e della Velocior La Spezia ma battendo nettamente quelle della Can. Cavallini e della Giunti. Per Marcella, l’esordio nella categoria Cadetti con un terzo posto equivale ad una vittoria perché ha dovuto affrontare avversarie con anni di esperienza e quindi più abituate alle competizioni.

Terzo posto anche per Aronne Piccardo nel singolo Cadetti 1.500 metri che, in una bella gara vinta dal portacolori dell’Argus di Santa Margherita Ligure, ha lottato fino al fotofinish per l’argento con l’avversario del Foce Cecina, battendo nettamente i due atleti dei Vigili del Fuoco Tomei di Livorno.

L’ultimo bronzo della giornata è stato ottenuto da Michele Loffredo nel singolo Pesi Leggeri 1.500 metri, al termine di una gara sofferta, dando fondo a tutte le energie per contenere il ritorno della Can. Velocior di La Spezia: la gara è stata vinta dal secondo atleta della Can. Velocior mentre al secondo posto è giunto il portacolori della Can. Orbetello.

Infine, giornata negativa per Gabriele Hoxha, quinto nel singolo Cadetti 1.500 metri.

Per canottieri savonesi, la regata di San Miniato è stata la prima della stagione e ciò aumenta il valore dei risultati ottenuti perché i ragazzi sono ancora in una fase preparatoria e lontani dalla migliore condizione fisica: se il tempo non ostacolerà gli allenamenti, i giovani allievi otterranno altri significativi risultati.

Carlo Donisi

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: