Attualità

Giornata negativa per le giovanili di rugby di Savona

rugbyl’Under 18 allenata da Luca Ferrari ed Andrea Luvarà affronta sul campo di casa l’esperta formazione del VII Torino; i giovani savonesi devono fare i conti con le stesse problematiche di organico della squadra seniores, ma nonostante questo giocano a viso aperto e senza timori reverenziali. I piemontesi fanno valere le loro doti, e si portano in vantaggio marcando due mete in rapida successione, ma il Savona con orgoglio e sacrificio, grazie alla meta di Federico Santini ed al successivo calcio di Giovanni Franceri riapre il match; lo stesso Franceri firma un calcio di punizione che riduce ulteriormente il divario. Nella seconda frazione si ripete il copione, con i torinesi che marcano due mete, mentre il Savona incrementa il punteggio ancora grazie a Franceri, che marca una meta e firma anche la successiva trasformazione. Il risultato finale di 17 a 26 premia giustamente la formazione ospite, ma onora anche il valore dimostrato sul campo dalla giovanile savonese, frutto anche dell’esperienza maturata negli allenamenti congiunti con la prima squadra durante l’anno.

L’Under 16 del duo Sara Essaber – Riccardo Ermellino affronta l’ultima partita di campionato contro i blasonati pari età del Genova rugby, primi in classifica ed ancora imbattuti. La prima fase di gioco lascia ben sperare, con i padroni di casa che subiscono tre mete, riuscendo però a segnarne una con Trentin, ma soprattutto costruendo parecchie occasioni da meta non concretizzate, e mantenendo alto il livello del match, tanto da convincere gli ospiti a piazzare un calcio di punizione per mantenere le distanze nel punteggio. Il primo tempo si chiude sul 17 a 5 per i genovesi, ma nella seconda frazione i padroni di casa subiscono un vistoso calo difensivo, con gli ospiti che marcano una meta nelle prime battute della ripresa; i savonesi hanno speso molto nel primo tempo, e nella seconda frazione il Genova dilaga, con un match che si chiude con il risultato di 5 a 55.
La meta savonese porta la firma di Molinari, con trasformazione di Serra. Da sottolineare il grande carattere dimostrato dai giovani savonesi che hanno difeso con i denti fino allo stremo delle forze: in particolare risalto, tra gli altri, le ottime prove di Trentin e di Rando.

Giuseppe Dogali

(Foto: Giusi Besio)

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: