Politica

La “legge bronzea dei salari”

maurizio LandiniAlcuni giorni or sono il nuovo direttore de “Il Foglio”, giornale fondato da Giuliano Ferrara, definì Landini “…l’Ingroia del Sindacato…” , rischiando, con una sola battuta, la querela per diffamazione da parte di entrambi. Evidentemente Claudio Cerasa trova le proposte di Landini incapaci di produrre un’attrazione nei confronti dell’opinione pubblica e degli elettori che vada al di là di pochi estimatori delle provocazioni esagerate.

In realtà anche il Segretario Confederale della CGIL Susanna Camusso, in una sua recentissima intervista ha contestato a Landini errori macroscopici di valutazione che hanno messo in difficoltà la FIOM specie nei confronti del gruppo Fiat Chrysrler Automobiles e del suo amministratore delegato Marchionne.
A me personalmente Maurizio Landini è anche simpatico con il suo accento emiliano, la sua irruenza controllata e la sua capacità di proporre indignazione. Maurizio Landini però non sembra essersi accorto che il sistema economico che lui auspica non può essere realizzato in un mondo in cui non esistono più i confini nazionali e la competizione è globale.
Un situazione del genere l’aveva già preconizzata David Ricardo oltre due secoli fa, quando rilevava che l’introduzione di macchinari avrebbe portato alla diminuzione della domanda di mano d’opera con conseguente eccesso di offerta che avrebbero condotto il livello dei salari al minimo di sopravvivenza.
Questi concetti furono ripresi nel 1800 dal filosofo francese Ferdinand Lassalle, il quale formulò la teoria della “legge bronzea dei salari” in forza della quale, in un’economia aperta, i salari tendono a ridursi sino al minimo necessario per sopravvivere.
Oggi è pur vero che nelle nazioni più progredite, il livello salariale è tutelato, quanto meno per i livelli minimi. Così come sono tutelati tutta una serie di diritti non negoziabili quali la tutela della salute nei posti di lavoro, i diritti sindacali, la corrispondenza delle mansioni alla qualifica del lavoratore, ecc..
Ciò che Landini non vuole sentire dire è che il lavoro è una “merce” e come tale ha un prezzo che è determinato dal mercato (pur con tutti i vincoli che abbiamo sopra ricordato). E’ una merce il cui valore non può essere trattato singolarmente ma attraverso una contrattazione collettiva che genera, alla sua conclusione un “contratto di lavoro”. E qui sorge un primo problema ideologico. Per quelli che la pensano come Landini il contratto di lavoro deve essere concordato a livello nazionale e solo alcune parti marginali possono essere delegate alla contrattazione aziendale.
Oggi questa è una visione anacronistica della contrattazione, perchè, soprattutto le grandi imprese multinazionali hanno una organizzazione del lavoro che tende ad essere uniforme nei vari Paesi in cui sono allocate le unità produttive. La trattativa aziendale (fatti salvi, come è ovvio, i principi di base che regolano il rapporto di lavoro) sarà sempre di più la vera trattativa sindacale, tenuto anche conto del fatto che l’Europa, disciplinerà sempre più la materia economica e, conseguentemente, le regole che governano l’economia stessa.
Landini, a mio parere commette un errore concettuale di fondo: la Costituzione della Repubblica italiana , all’art. 4, recita “…la Repubblica riconosce a tutti i cittadini il diritto al lavoro…”. Landini fa discendere da questa affermazione (che appartiene a quelle categorie filosofiche che Benedetto Croce definiva “pseudoconcetti”) il dovere imprescindibile dello Stato di assicurare a tutti un lavoro, dimenticando che (sempre nell’art. 4) il senso del riconoscimento del diritto al lavoro è temperato dall’affermazione “…promuove le condizione che rendano effettivo questo diritto…”. Cioè la Repubblica cerca di operare, affinchè si possano creare le condizioni della piena occupazione, tenendo conto del fatto che l’Europa vieta l’intervento statale nell’economia imponendo la libertà di concorrenza.
Inoltre la piena occupazione è oggi un traguardo irraggiungibile se è vero che in Germania [ il paese Europeo con il tasso di crescita economica maggiore] la disoccupazione è stabile intorno al 6%. Nell’intera UE si contano 25.184.000 disoccupati. Tutti convengono che anche una ripresa economica importante e generalizzata non sarà in grado di assorbire tutti questi disoccupati.
Quando si parla di economia gli esperti delle forze di sinistra fanno riferimento alle teorie Keynesiane, indicando in queste la risposta da dare per invertire la tendenza in atto e ritornare ad un’economia in sviluppo. Ci si dimentica di un particolare: l’opera principale di Keynes, la “Teoria generale dell’occupazione, dell’interesse e della moneta”, fu pubblicata nel 1936 e dispiegò tutta la sua efficacia nel secondo dopoguerra. Se si tiene conto del fatto che nelle seconda guerra mondiale morirono 54 milioni di persone ed immense furono le distruzioni in Germania, nell’URSS, nell’Italia, nell’Inghilterra e nel Giappone, si capisce subito che la morte di intere generazioni di giovani e la necessità di imponenti lavori di ricostruzione non potevano che produrre una domanda di forza lavoro che avrebbe assorbito completamente tutta l’offerta. Oggi dopo 70 anni di pace queste condizioni per mantenere la piena occupazione non esistono più. Non solo, ma la tecnologia sta espellendo dal processo produttivo tutti i lavoratori non specializzati, sostituendo i lavori ripetitivi con il processo di automatizzazione, la robotizzazione e le altre innovazioni tecnologiche che sono una della misure della futura produttività. Così nell’impresa manifatturiera quelli che un tempo erano gli operai alla catena di montaggio presto non esisteranno più ed il grado iniziale di lavoro sarà di un operaio altamente specializzato che gestirà, attraverso la robotizzazione, il lavoro di un’intera linea un tempo gestita da una squadra di operai.
Il sindacato non può non prendere atto di questa trasformazione ed adeguare le sue istanze alle nuove esigenze del lavoro.
Rimanere fermi all’art.18 dello Statuto dei lavoratori, significa essere afflitti da una inguaribile obsolescenza culturale!

Lorenzo Ivaldo

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: