Lettere alla redazione

Socialisti, “quattro voti quattro e due pernacchie”

Certamente più comodo, anche se ipocrita, lasciare fare e passare tutto, meno faticoso che contestare e mettersi di traverso magari anche su qualcosa ritenuta ingiusta o ancora peggio scorretta; neppure accennare, ‘tanto per’, che poi i nostri padrini del PD potrebbero adombrarsi e alle prossime elezioni comunali di Savona non lasciare a noi socialisti, perenni ricercatori di candidature, neppure un posticino; anzi, proprio per non fare ombra, per non destare invidie, conflitti su “chi è il più bello del Reame”, quatti quatti ognuno a pescare nel proprio catino sperando in qualche pesciolino. Ma che gli frega, a questi compagni socialisti savonesi, ad esempio, della legge elettorale, l’Italicum, in corso di discussione in Parlamento, gli va bene in qualunque salsa, a bagnomaria o arrosto, anche se poi dovranno, dovremo purtroppo, cuccarcelo per trent’anni, con i candidati di casta imposti dall’alto dell’Olimpo dei partiti ed altre amenità non propriamente in sintonia con la nostra architettura democratica, uno scivolo tanto più preoccupante quanto più inclinato verso la non libertà di pensiero e di espressione. Se questo è “fare socialismo”, se questi sono i modi, non diciamo gli ideali ormai relegati nell’oltretomba, se questo è il concetto della nostra attuale proposizione, il nostro futuro interpretativo, il percorso e la meta, beh, allora siamo proprio messi male: con il riscontro degli elettori, che da tempo hanno compreso, e castigato, con “quattro voti quattro e due pernacchie”.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: