Cronaca

Salone Agroalimentare Ligure a Finalborgo

salone finalborgoSi aprirà domani il Salone Agroalimentare Ligure nei chiostri monumentali di Santa Caterina a Finalborgo. Il Salone che rimarrà in esposizione fino a domenica è sicuramente un evento perfetto in questo 2015, anno dell’alimentazione grazie a Expo 2015 di milano. Organizzato dalla Regione Liguria, Unioncamere Liguria, Provincia di Savona, Camera di Commercio di Savona, Comune di Finale Ligure, con il contributo del Fondo per lo Sviluppo e la Coesione in attuazione del progetto “Agriexpo Liguria: Le Riviere”.
Oltre alla presenza di prodotti esclusivamente liguri, alla rassegna espositiva sia all’interno  di Santa Caterina sia nelle principali piazze di Finalborgo, l’evento prevede tre giorni di appuntamenti contraddistinti da laboratori di degustazione, corsi di cucina, live kitchen, show cooking, la cerimonia di consegna del Premio Salone 2015, attività dimostrative ed incontri tematici.
In particolare il “Largo delle Bontà” proporrà la degustazione di specialità della cucina tradizionale ligure, come la farinata, la “panissa”, le torte salate, la focaccia classica, fritto di pesci, trippa, focaccini del Finale, la focaccia di Recco. Si potranno inoltre assaggiare ed acquistare centinaia di prodotti, fra i quali: olio, vino a denominazione di origine protetta della Liguria, confetture, gelatine, focaccia classica, focaccia col formaggio di Recco, dolci tipici (pandolce genovese, chifferi di Finale, dolci di castagne, baci di Alassio, Amaretti di Sassello, frutta candita, cioccolato, torta stroscia), formaggi, salumi, miele,
prodotti tipici (pesto, salsa di noci ed altre salse liguri, olive in salamoia, paté, torta pasqualina ed altro), liquori, birra, marmellate, latte e derivati, tartufi di Millesimo, aglio di Vessalico, acciughe salate, fagioli di Pigna, Conio e Badalucco, sciroppo di rose, farine, basilico, pane allo zafferano, zafferano ligure, il chinotto, erbe aromatiche, zafferano, verdure delle campagne liguri, piante e fiori in vaso e recisi, funghi, pasta, e molto altro ancora.
Il programma prevede l’inaugurazione alle 16,30 di venerdì 8 presso il Primo Chiostro di Santa Caterina, seguita presso la Sala delle Capriate dalla consegna dei premi “Salone Agroalimentare Ligure”. Tra gli altri, saranno attribuiti riconoscimenti, come impresa al femminile, all’Azienda Agricola A Maccia, di Loredana Faraldi e Carlotta Carminati, di Ranzo (Imperia), mentre il premio innovazione andrà all’Azienda Agricola Durin di Ortovero e all’Azienda Agricola Zafferano di Rosso, recentemente costituita da tre studenti universitari a Davagna (Genova). Il Premio di giornalismo sarà attribuito, alla memoria, ad Augusto Rembado, recentemente scomparso, che ha accompagnato con i suoi resoconti il Salone fin dalle prime edizioni.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: