Attualità

Incontro con Nada e Fausto Mesolella

Nada loanoDomani si dà avvio al secondo appuntamento di Voci d’Autore a Loano, evento inserito nell’ottava edizione di “DISCHI VOLANTI…INCONTRI RAVVICINATI CON dischi, libri, parole e suoni”, promossa dall’Assessorato al Turismo,  Cultura e Sport del Comune di Loano e organizzata dall’Associazione Compagnia dei Curiosi. Alle ore 21.00, nella Civica Biblioteca, nel Palazzo Kursaal, si svolgerà l’incontro con Nada e Fausto Mesolella. Il giornalista musicale John Vignola ripercorrerà con l’artista toscana la sua carriera di interprete e autrice. L’incontro sarà un viaggio che toccherà le tappe più importanti della carriera artistica di Nada, che regalerà al pubblico loanese alcuni brani del suo vasto repertorio. Nell’esecuzione sarà accompagnata da Fausto Mesolella, chitarrista degli Avion Travel. Risale al 1994 la collaborazione fra Nada e Fausto Mesolella, e ha ottenuto innumerevoli apprezzamenti, seguiti da molti concerti in Italia e in Europa. Il duo insieme a Ferruccio Spinetti, ha dato vita all’album dal titolo “Nada Trio” (1997), che ha vinto il Premio Tenco ed il Premio Musicultura di Recanati. Inoltre, insieme, nel 2001 hanno registrato “L’Amore è fortissimo e il corpo no” con la produzione in collaborazione con Pasquale Minieri. Nada Malanima conosciuta da tutti semplicemente come NADA, appena quindicenne fa il suo esordio al Festival di Sanremo del 1969 con “Ma che freddo fa” che diventa un successo non solo in Italia ma in tutto il mondo. Seguono “Pà diglielo a mà“ (Sanremo 1970) e “Il cuore è uno zingaro” con cui vince il Festival di Sanremo nel 1971. Nel 1973 dall’incontro con Piero Ciampi nasce “Ho scoperto che esisto anch’io” un album in cui Nada interpreta i brani scritti per lei dallo stesso Ciampi, livornese come lei, già allora uno dei personaggi più geniali e al tempo stesso più ignorati della musica italiana. Nel 1974 l’album “1930: il domatore delle scimmie” frutto della collaborazione con la Reale Accademia di Musica uno dei gruppi d’avanguardia del panorama musicale degli anni ‘70. Nel 1976 poi è la volta di “Nada”, un album che contiene quattro brani scritti per lei da Paolo Conte, oltre a nuove composizioni di Piero Ciampi. Negli anni successivi Nada passa dalla RCA alla Polydor e arrivano altri successi come: “Pasticcio universale”, “Dolce piu’ dolce”, “Dimmi che mi ami” e “Ti stringerò”. C’è anche la recitazione nell’universo artistico di Nada con Sandro Bolchi, Giulio Bosetti, Dario Fo, Marco Messeri. Agli inizi degli anni ‘80 è saldamente in testa alle classifiche discografiche con l’album “Smalto” e con il singolo “Amore Disperato” con cui nel 1983 vince il Festivalbar, Azzurro, Vota la voce. Nel 1984 esce il disco completamente elettronico “Noi non cresceremo mai” con la produzione dei “Goblin” e nel 1985 “Baci Rossi”. Dopo quattordici anni nel 1987 torna a Sanremo con una canzone scritta per la prima volta completamente da lei: “Bolero”.  Dopo l’album del 1992 “L’anime nere” (scritto insieme a Venturi & Richter), nel 1994 nasce il progetto Nada Trio (un trio acustico con Fausto Mesolella e Ferruccio Spinetti degli Avion Travel) che ottiene innumerevoli apprezzamenti e riconoscimenti (dal Premio TENCO, al Festival MUSICULTURA di Recanati). Il progetto viene documentato in un CD dal titolo “NADA TRIO”.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: