Attualità

Pensioni bloccate o sbloccate?

inpsParlare di pensionati ormai è diventata un routine, come una musica a tempo di valzer, gli argomenti sono sempre gli stessi e il pensiero non può che andare a quelli che ricevono le famigerate “pensioni d’oro”. La realtà è un po’ diversa o quantomeno controversa, le pensioni da nababbo sono poche e senza voler far demagogia, molti fanno fatica a mettere insieme il pranzo con la cena. Le riforme pensionistiche che si sono susseguite negli ultimi venti anni partendo dalla riforma Amato del 1992, fino all’ultima revisione Monti  del 2011 hanno come fattore comune un diverso calcolo della pensione mirato a ridurre le spese Inps. Dal 1995 con la riforma Dini la pensione è legata ad un tipo di calcolo partendo dai contributi versati. La riforma sulle pensioni varata dal governo Monti, pressato dall’Europa, aveva bloccato l’adeguamento al costo della vita. La Corte Costituzionale, sollecitata di un parere, ha censurato il mancato adeguamento di tutte pensioni, infatti era stato limitato sino a quelle tre volte la misura minima. Una sfilza di nomi : bonus (benevolenza), rimborso, rivalutazione della pensione al costo della vita, precede un’ infinità di cifre, 16-17-18 miliardi di euro per il rimborso a tutti, denominazioni che i cittadini fanno fatica a capire. Forse un provvedimento che è ben lontano da un riconoscimento relativo agli anni 2012 e 2013, anzi un rimborso, uno tantum (meglio uno a paucum).  Si dice un adeguamento parziale commisurato all’entità della pensione (sotto tre volte il minimo hanno già avuto) , chi è sopra i 3200 euro/mese non riceverà il rimborso. Pare che il governo voglia limitarsi all’utilizzo del famoso tesoretto 1-2 miliardi. Ora tante voci circolano, modelli di lettere per richiedere il rimborso, disponibilità di pool di avvocati per impostare istanze di recupero. Da una approfondita analisi sembra che il rimborso avvenga in automatico con data ipotetica al 1° agosto 2015. Altra novità che merita menzione per i pensionati è unificata la data di pagamento degli emolumenti al primo giorno del mese a partire dal 1 giugno 2015. Sino ad ora avveniva in date diverse (il 1- 10- 16 giorno del mese).

Pino Rosso

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: