Attualità

Smette di fumare per la vostra salute

fumoIl 31 maggio si celebra la giornata mondiale contro il tabacco e  l’Italia festeggia il decimo anniversario della promulgazione della legge Sirchia contro il fumo nei luoghi pubblici. Questa legge subito un po’ osteggiata e criticata, è stata accettata lentamente dai fumatori più accaniti ed oggi il 95% degli italiani la giudica positivamente e la rispetta. In Italia al contrario di molti Paesi europei i fumatori sono il doppio dei non fumatori. Gli esiti onestamente però non sono stati altrettanto soddisfacenti; infatti la diminuzione dei fumatori si è limitata al 18%, considerato che molti sono passati alla sigaretta elettronica. Questa nuova tecnologia che certamente non si può dire al cento per cento benefica. E’ un po’ far rientrare dalla finestra ciò che era stato messo fuori dalla porta ma certamente un’abitudine non sana. Curioso a questo proposito constatare che le sigarette elettroniche vengono prodotte da alcune case produttrici di sigarette normali e che lo Stato poi le abbia tassate. Importante sarebbe insistere con una campagna educativa e informativa sui rischi ai giovani. In questo campo è importante l’esempio di genitori e docenti. Guai a fumare in casa, auto, scuola davanti ai ragazzi duplice danno l’esempio negativo, per non parlare del fumo passivo. Invece molto facile è trovare studenti a scuola a fumare nei gabinetti. Oltre ai rischi tumorali, notevoli sono i fattori negativi causati dal fumo : tosse, asma, infiammazione, dita macchiate, denti gialli, alito pesante, tracce di nicotina si posso trovare,con esame semplice ma sintomatico, persino nei capelli. Il fumo costa caro prima per acquisto sigarette e poi soprattutto per la salute, ma vigendo il libero arbitrio, smettere è difficile e oltre alla volontà può essere utile l’aiuto del medico di famiglia e dell’ Associazione Antifumo. Le donne sono più determinate spesso riescono a smettere almeno in gravidanza e allattamento, vuol dire che se si vuole si può fare. Interessante è il test per valutare il grado di dipendenza:

-quante sigarette 10  20  30

-quando cominci a fumare subito dopo il caffè del mattino

In questo seconda ipotesi, se sì, esiste dipendenza grave e quindi serve aiuto. Accertato che non si possa smettere, sarebbe utile iniziare una prevenzione con Rx o Tac polmonare per verificare stato della situazione e poter iniziare se del caso in tempo eventuali necessarie terapie con buone probabilità di guarigione. Per diventare ex fumatori deve essere passato almeno un anno senza fumo. Una povera scusa “smettendo di fumare si mette su pancetta”.  La pancetta è meno pericolosa e soprattutto può essere combattuta con altri mezzi.

Pino Rosso

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: