L'Eco in edicola

Leon Pancaldo, il savonese che circumnavigò il globo con Magellano

Leon Pancaldo rappresenta forse uno dei personaggi savonesi più illustri e noti. Basti pensare al fatto che il simbolo della nostra città, la Torretta, che dà il benvenuto a coloro che a Savona giungono dal mare, sia proprio dedicata a lui. E a chi, se non a Leon Pancaldo, poteva esser dedicato il saluto savonese ai navigatori? Nato a Savona nel 1482, inziò fin da giovane a navigare, compiendo viaggi commerciali nel Mediterraneo per conto del padre, tessitore di panni. Ben presto divenne un esperto marinaio, in grado di compiere il calcolo astronomico, di conoscere i venti, di identificare la posizione geografica di una nave e di disegnare carte di navigazione. Una grande passione, insomma, che nel 1518 lo portò ad arruolarsi nella spedizione per raggiungere le Indie organizzata da
Ferdinando Magellano. L’intento era quello di attraversare l’odierno stretto di Magellano per navigare nell’Oceano Pacifico partendo dall’Atlantico. Le navi che salparono da Sanlucar de Barrameda il 10 agosto 1519 furono cinque: la Trinidad, la San Antonio, la Concepcion, la Victoria e la Santiago, con a bordo ben duecentosessantadue uomini, tra cui cinque savonesi (Leon Pancaldo, Francesco Piola, Giovanni Gravallo, Martino de Giudici e Agostino Bona).

Sandy Robba

Continua la lettura di quest’articolo sull’edizione cartacea de L’Eco – il Giornale di Savona e Provincia di giugno

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: