Politica

Ritratti contemporanei

1°) Le illusioni pericolose.
Felice Casson è ex magistrato del Tribunale di Venezia, dove è stato Giudice istruttore, GIP ed infine sostituto procuratore. E’ entrato in politica nel 2005 quando si è candidato a sindaco di Venezia sfidando Massimo Cacciari e perdendo rovinosamente. Anche allora al primo turno fu in testa con il 37,7% dei voti, contro il 23,3% di Cacciari, che al ballottaggio vinse con il 50,5% mentre Casson perse con il 49,5%. Nel 2008 fu eletto senatore per il PD dove è tutt’ora.
Finchè Pippo Civati era nel PD, Felice Casson era considerato uno dei suoi fedelissimi ed avversario acerrimo di Matteo Renzi.
Anche questa volta al primo turno ha preso il 38% dei voti mentre il suo antagonista si fermava a circa il 23%.
Nel ballottaggio Brugnaro è stato eletto sindaco di Venezia con il 53,21% dei voti mente Felice (di nome ma non di fatto) si è fermato al 46,79%. Evidentemente i moderati di Venezia, giustamente spaventati dall’estremismo intellettuale dell’ex PM, hanno votato compatti per il candidato del centro destra.
Mentre i “grillini” (da sempre corteggiati da Casson) hanno fatto proprio il motto di Cesare Borgia (detto il Valentino) “aut Caesar aut nihil” e fedeli al loro dna (essendo tagliati fuori dalla corsa per il Sindaco) hanno osservato la lotta per il ballottaggio, contando i colpi e divertendosi un mondo.
Visto che l’esperienza non gli ha insegnato nulla, se ci è permesso un consiglio al dott. Casson, suggeriamo di riposarsi e meditare leggendo un testo appropriato come il famoso romanzo di Hans Fallada, intitolato: “E adesso, pover’uomo ?”

2°) Contenitori e contenuti
Ho visto, recentemente, il Vicepresidente Di Maio presiedere la seduta della Camera dei deputati: molto formale, educato, elegantino, perfetto. Mi sono ricordato di un altro giovanissimo Presidente della Camera dei Deputati: Irene Pivetti. Anche lei impeccabile con le sue adorabili sciarpettine e i suoi deliziosi tailleurs color pastello. Ma dentro il vestito: niente!
L’ho rivista, talvolta, come improbabile opinionista in trasmissioni pseudo-intelligenti ed, ultimamente, come cuoca in trasmissioni televisive di cucina (che ormai ci affliggono in ogni momento). E mi sono ritrovato a chiedermi “Chissà se l’on Di Maio sa cucinare bene ?”

3°) Cercando gli ascendenti.
In questi giorni viene molto ricordato l’avv. Giovanni Agnelli. Le sue interviste erano sempre piacevoli ed interessanti anche per il senso dell’umorismo e la vis polemica che traspariva dalla eleganza, con la quale si proponeva. Mi è venuta in mente un’intervista nella quale, alla rituale domanda sulla Juventus (era l’epoca di Platini e Boniek) l’intervistatore chiese ad Agnelli un parere su Zibi Boniek. Gianni Agnelli rispose con una metafora di rara perfidia. Disse (ricordo quasi a memoria): “Veda: Boniek è un grandissimo calciatore, ma è un polacco. I polacchi sono un grande popolo, generosi e coraggiosi. Pensi che nella seconda guerra mondiale un reggimento di ussari polacchi (a cavallo) approfittarono del Don gelato per attaccare un reparto corazzato tedesco. Lo scontro contro i panzer fu un massacro dei coraggiosi ussari ( e anche dei loro cavalli – ndr). Fu una pagina di eroismo puro! Il problema è che i polacchi pensavano di poter vincere!”
Malgrado sia biondo e con gli occhi celesti, non avevo mai pensato che Pippo Civati avesse ascendenti polacchi.

4°) La diversione
Il 1 luglio 1789 a Burg in Germania nasceva Carl von Clausewitz generale dell’esercito prussiano ed autore di un trattato sulla strategia militare intitolato Vom Kriege ( Della Guerra). E’ un libro famosissimo adottato in quasi tutte le accademie militari del mondo ed ancora oggi attualissimo per la profondità dell’analisi e la completezza delle indicazioni proposte. Io l’ho letto (in parte perchè è veramente pesante) e mi ha colpito il capitolo intitolato “La diversione” che fa parte del Titolo dedicato all’attacco. La diversione si attua attaccando un obbiettivo in modo che il nemico pensi che quello è il nostro obbiettivo principale e si precipiti a difenderlo, sguarnendo un altro sito che è in realtà il nostro obbiettivo principale. Detta in ligure, la diversione è una “finta”.
Io credo che Landini sia un attento lettore del manuale di von Clausewitz. Infatti tutta la sua battaglia contro Renzi ed il Governo credo sia, in realtà, una diversione. L’obbiettivo di Landini è la conquista del Sindacato. Infatti sa benissimo che come segretario dei metalmeccanici non ha futuro in quanto i sindacati di categoria, in un tempo molto vicino saranno gestiti in modo soprannazionale all’interno della UE. A sinistra del PD non c’ è uno spazio significativo dal punto di vista elettorale. Resta solo la Segreteria di un Sindacato che con Landini diventerebbe un sindacato forte ed inclusivo. D’altro canto, Landini stesso ha dichiarato più volte che il mestiere che sa fare meglio è il sindacalista. Quindi la grande ammucchiata predisposta dal Maurizio nostro è un diversione verso l’obbiettivo vero che è la Segreteria generale della CGIL. Fossi Susanna Camusso mi leggerei attentamente il capitolo successivo del manuale di Clausewitz intitolato “Come si difende un territorio”.

Lorenzo Ivaldo

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: