Politica

Intervento Roberto Pizzorno segretario Provinciale Udc Savona

“Care amiche e cari amici, grazie di essere qui con me stasera. -affema Roberto Pizzorno – La nostra storia, la nostra tradizione, la nostra lealtà, la nostra coerenza ci imponevano di essere qui oggi per impedire di morire. Vi voglio ringraziare per il sostegno e l’amicizia che mi avete dato durante la Campagna Elettorale delle Regionali. Campagna che si è presentata fin dall’inizio tutta in salita e piena di problematiche per noi. La scelta di andare in Area Popolare, in termini di consensi non ci ha beneficiato. Ma non abbiamo mollato. Qualcuno ha seguito la linea dettata dal partito, altri hanno fatto scelte diverse e condivisibili. Ma se siamo qui, stasera, è perché vogliamo iniziare insieme un nuovo corso, un nuovo percorso politico. Non sappiamo ancora dove ci porterà, se saremo ancora in Area Popolare o faremo strade diverse. Lo deciderà il Consiglio Nazionale, di cui mi onoro di farne parte. Ma noi ci siamo. Dovrà aprirsi un nuovo corso, dove le vecchie cariatidi della politica devono starsene fuori e coloro che in questi mesi, e anche nei giorni scorsi, hanno solo seminato zizzania, criticando l’operato di questa segreteria, dovrebbero farsi un esame di coscienza e dire a se stessi: “ ho fatto qualcosa per il bene del mio partito?” Ho contribuito alla sua crescita? Mi sono impegnato oppure ho fatto solo finta?”
“Quando si dice la verità
non bisogna dolersi di averla detta.
La verità è sempre illuminante.
Ci aiuta ad essere coraggiosi”
Così diceva il grande statista Aldo Moro

Per molti giorni e tante notti mi sono chiesto: abbiamo, avremo, ho fatto la cosa giusta. E la risposta non sono riuscito a trovarla. Abbiamo fatto la scelta giusta a sostenere con forza e convinzione il governatore del centro destra? Abbiamo fatto la cosa giusta a sostenere con forza e convinzione il candidato di centro sinistra? Il tempo ci darà le risposte che noi cerchiamo. Ma se siamo qui stasera significa che abbiamo ancora voglia e tempo da dedicare a questo partito. Si, perché, l’UDC è un partito che non è ancora morto, come qualcuno vorrebbe. Voglio essere chiaro. Se questa sera decidiamo di continuare a seguire le direttive nazionali, lavorare per far crescere l’UDC, io ci sarò, ma se decidiamo di fare un’altra scelta di campo, io sarò con la maggioranza di voi. E’ vero, ci sono dei problemi, al nostro interno ma chi non ne ha?. Abbiamo ricevuto critiche dalla classe dirigente, da molti dei nostri amici, simpatizzanti, ma non dobbiamo abbassare la testa e continuare a lottare. Noi abbiamo una dignità, un cuore e una forza che ci porterà lontano. Ne sono sicuro. Ci siamo rimboccati le maniche, nel 2008, perché il nostro è sempre stato un gioco di squadra. Abbiamo cercato di salvare il nostro partito dal fallimento totale. Oggi, l’ area moderata è maggioranza in Liguria. Nessuno ci credeva. Noi in questi anni abbiamo governato insieme a chi oggi è all’opposizione. Dobbiamo confermare questa alleanza anche per le prossime elezioni del 2016? Sarà motivo di un dibattito aperto che faremo a settembre, quando avremo la mente riposata. Dovremo lavorare. E molto. Ci saranno difficoltà, malumori e anche beghe interne, ma noi dobbiamo continuare a restare uniti per raggiungere quegli obiettivi che tanti di voi si sono posti da anni. L’Udc vuole continuare a Governare la città di Savona, ed essere presente negli altri comuni. Però vedete amici e amiche, alle ultime elezioni comunali abbiamo commesso troppi errori, piazzando pochissimi consiglieri in quota Udc nel ponente savonese. Ma siamo andati al voto anche in molti comuni della Valbormida, dove siamo rappresentati solo nel comune a Cairo Montenotte. Di chi è la colpa? Del territorio, qualcuno dirà? Nossignori. La colpa è mia. Mi sono fidato dei responsabili locali, ma questi, forse non credevano o non hanno creduto nell’Udc. Mi sono sentito dire da qualcuno di voi. In quel tal comune ci rappresenta tizio che è del Pd. Io vi dico. Un conto è l’alleanza politica con il Partito Democratico, l’altra è la rappresentanza. Chi vuole andare con il Pd non sarà fermato. Ma chi è nell’Udc deve stare alle direttive del partito. Da stasera azzeriamo tutti i vertici comunali e iniziamo un percorso nuovo. Non sono un veggente, ma spero che sia un percorso che ci porti lontano, oltre l’Udc. Chi ha voglia di dare la propria disponibilità e guidare, sul proprio territorio, il partito, sarà ben accetto. Iniziamo insieme un nuovo percorso, stiamo uniti e non perdiamoci. Discutiamo all’interno le nostre problematiche e non sui giornali o sui blog. Come Udc, avevamo un tesoro di voti, in provincia di Savona, quasi del 6% . Ma con le scelte sbagliate da parte del Nazionale, questo tesoretto lo abbiamo perduto. Credo, però, che lo possiamo ancora conquistare. Dove? In quel 50% di uomini e donne, giovani e anziani che non sono andati a votare. Dobbiamo ripartire da qui. Dobbiamo dare una speranza ai nostri giovani, che non hanno un futuro nel lavoro, alle giovani coppie, il cui futuro è incerto, ai nostri anziani, vero fulcro della nostra famiglia. Noi tutti, o almeno quasi, arriviamo dalla Democrazia Cristiana, e non ci vergognamo del nostro passato. Siano fieri del nostro simbolo, e mi auguro che lo scudocrociato non vada perduto. Sarebbe una perdita importante. In quel simbolo c’è la storia dell’Italia democratica e cristiana che ha lottato con il sangue per la Libertà. Chiudo questo mio intervento con le parole di papa Francesco: “Un cattolico deve fare politica, perché la politica è la più alta forma di carità”.

 

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: