Cultura e Musica

Questo fine settimana “Il Barbiere di Siviglia” alla nostra Arena

barbiere di siviglia opera giocosa savonaGli amanti dell’opera buffa sono in grande attesa per il secondo titolo operistico del programma estivo dell’Opera Giocosa: ‘Il Barbiere di Siviglia’ di Gioachino Rossini, in Fortezza domani e domenica. I due atti, tratti dalla commedia omonima di Pierre-Augustin Caron de Beaumarchais, narrano di una giovane pupilla sulla quale ha posato gli occhi un anziano tutore che vorrebbe farne la propria consorte (‘Il vecchiotto cerca moglie’ è la famosa aria del secondo atto della cameriera Berta). Ma il conte d’Almaviva l’ha vista un giorno passeggiare, e se n’è innamorato. Ha organizzato una serenata sotto il balcone per la bella Rosina, e con lui ci sono tanti musicisti e il fido Fiorello, ma bisogna fare tutto per bene e in silenzio prima dell’avvio delle note (‘Piano pianissimo senza parlar’, è il coro di sottofondo). Poi c’è la sua cavatina: ‘Ecco ridente in cielo’, poi ci saranno le belle pagine di Figaro, famose in tutto il mondo… A questo punto, se è andato tutto bene, sarete già cotti come la sottoscritta di quest’opera straordinaria! Nella nostra Arena, Ricardo Mirabelli sarà il Conte-‘Lindoro’, Mauro Bonfanti sarà ‘Figaro’, Sopio Koberidze la dolce protagonista, Giuseppe Esposito il suo tutore Don Bartolo, Costantino Finucci il perfido Don Basilio, Mirella Di Vita la cameriera, Lorenzo Malagola Barbieri ‘Fiorello’. La regia sarà di Aldo Tarabella, le scene e i costumi di Leila Fteita, Orchestra e Coro AllOpera di Milano, direttore il Maestro Daniele Agiman. Inizio alle 21.15. Intanto, a distanza di poche ore dalla replica de ‘La Traviata’ di Giuseppe Verdi dello scorso martedì, il ricordo va ai grandi applausi manifestati al maestro Aldo Sisillo che ha ben diretto l’Orchestra della Fondazione del Carlo Felice di Genova (maestro del Coro, sempre del teatro genovese, Patrizia Priarone). Un pubblico generoso ha tributato consensi unanimi nel corso di tutti e tre gli atti: in particolare Saioa Hernandez è stata una splendida e commovente Violetta (grande in particolare in tutto il terzo atto, bravissima anche nella recitazione), Antonio Gandia un corretto Alfredo (giustamente viene considerato uno dei migliori giovani tenori spagnoli del momento) e Damiano Salerno un baritono eccezionale (lo avevamo già gustato alle prove, lo abbiamo ritrovato perfetto in questo ruolo di Giorgio Germont). A completare il cast: Adriana Iozzia (Flora), Antonella Romanazzi (Annina), Raffaele Feo (Gastone), Hyun Kyu Ra (il Barone Douphol), Michele Patti (il Marchese d’Obigny), Pietro Toscano (il dottor Grenvil, una voce molto interessante), Giampiero De Paoli (Giuseppe), Loris Purpura (il commissionario), Roberto Conti (il domestico). I bravi danzatori sono stati Giovanna Badano e Angelo Lupi, la prima anche coreografa. Il regista Stefano Monti (scenografo e curatore dei costumi), ha ambientato la vicenda negli anni ’20. Sul palco grandi camelie e tre enormi cornici, attraversate orizzontalmente da una pedana, che lasciavano libero un triangolo di scena per i momenti da evidenziare: i brindisi, il malore di Violetta del primo atto, la scena del lancio delle banconote, il divano per l’ultimo atto… Negli altri casi è stato sufficiente indirizzare le luci verso l’interno delle cornici, e dare risalto a questa o quella circostanza. I momenti che ricordiamo con maggior piacere? Scegliete voi, a caso, un’aria qualsiasi del secondo tempo, dove la bellezza per i melomani ha raggiunto il massimo… Appuntamento quindi domani, sempre alle 21.15, per la prima de ‘Il Barbiere di Siviglia’ (foto Allopera). La seconda serata, lo ricordiamo, sarà domenica. Non ve ne pentirete!

Laura Sergi

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: