Attualità

Palazzo ex Ambra di Vado Ligure bocciato dalla Regione

comune vado ligure

Il Settore Valutazione di Impatto Ambientale della Regione Liguria ha respinto, dichiarandolo inammissibile dal punto di vista ambientale, il progetto di riconversione urbanistica che interessa a Vado Ligure l’edificio che in passato ospitava il cinema teatro Ambra, in fregio alla via Aurelia. L’area dell’ex cinema e di alcune altre porzioni di fabbricato adiacenti è oggetto di un’iniziativa che prevede lavori di radicale ristrutturazione mediante demolizione e ricostruzione, con modifica di destinazione, da uso servizi pubblici (sala cinematografica e teatro) a residenziale. Il progetto, approvato dalla giunta comunale di vado Ligure l’8 aprile scorso, è stato sottoposto a verifica ambientale in quanto interessa aree classificate inondabili (fascia A con tempo di ritorno cinquantennale) nell’ambito del piano di bacino del torrente Segno, con possibilità di produrre effetti sull’ambiente. Il Dipartimento Ambiente della Regione, nel corso dell’istruttoria, ha acquisito il parere del Settore Assetto del territorio, che ha evidenziato l’incompatibilità dell’iniziativa proposta con la normativa vigente per la fascia A del piano di bacino del Segno. Le norme consentono la realizzazione in fascia A di interventi di ristrutturazione edilizia solo qualora non comportino cambi di destinazione d’uso che aumentino il carico insediativo anche temporaneo. “Nel caso specifico – ha sottolineato la Regione – l’aumento degli insediamenti, rispetto a quello virtuale attribuito ad una struttura che ha cessato la propria attività da circa 30 anni, è effettivo e sostanziale, con conseguente aumento del rischio idraulico”. La disciplina dei piani di bacino, ha concluso il Settore VIA, persegue in via prioritaria la gestione delle situazioni di pericolo al fine del non aumento delle condizioni di rischio attuale e della tutela della pubblica e privata incolumità: “In questo senso la corretta chiave di lettura delle norme del piano di bacino supera, se del caso, la qualificazioen strettamente edilizia degli interventi”. Elaborato dall’architetto Roberto Novarese di Vado Ligure per conto della proprietà (Realedil Srl di Torino), il progetto prevede la realizzazione di un edificio di otto piani, alla stessa altezza degli edifici circostanti. La superficie abitabile si aggira intorno ai 1.500 metri quadrati.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: