Attualità

Capitolo 1

[mks_dropcap style=”rounded” size=”40″ bg_color=”#ff0000″ txt_color=”#FFFFFF”]V[/mks_dropcap]ola piccola mia, vola- le braccia di mia madre distese verso l’alto, il sorriso caloroso, gli occhi grandi e vivaci.

Il mio primo ricordo di un’emozione sincera, una scarica di adrenalina fuori dal comune, l’aria sulla pelle, i brividi che percorrano la mia schiena.

Senza saperlo avevo già dato un valore a ogni cosa.

Senza saperlo avevo trovato la mia strada.

Senza saperlo stavo imparando a volare.
Il cuore rimbalzò nel petto quando la punta toccò il pavimento in parquet scuro.
Su e giù, giù e su come una continua rincorsa sulle scale. Tenni le labbra tese e la bocca chiusa fino a che non terminai la piroette concludendo così la diagonale che l’insegnate francese ci aveva assegnato.
Cacciai fuori il respiro sentendo la cassa toracica aprirsi e i polmoni dilatarsi ed emettere ossigeno, lentamente mi avvicinai alla sbarra accompagnata dall’applauso degli altri allievi che di solito terminava la lezione.
Strinsi i denti e mi recai verso l’uscita andando così nei dormitori della scuola.
A Parigi si respirava un’aria certamente diversa, gli allievi erano silenziosi e quelle poche volte che incrociavo lo sguardo degli altri allievi me ne pentivo immediatamente.
Tutti avevano qualche motivo per guardarti male, per credersi superiore a te, per considerarti una nullità ai loro occhi.
Scrollai la testa e sciolsi lo chignon ben fissato con spilloni, finalmente ero arrivata alla mia stanza dove c’era l’unica persona che questo mondo non aveva ancora scalfito. Alexandra sin da bambina aveva portato avanti il sogno di diventare prima ballerina e lo sarebbe diventata davvero, aveva tutto il necessario per esserlo: bell’aspetto, vita stretta, gambe a fuso e un collo del piede che avrebbe fatto invidia a Carla Fracci.
Non appena aprii la porta l’odore del borotalco m’invase le narici.
-Ancora sangue dai calli?- chiesi vedendo Alexandra distesa sul letto con le gambe alzate.
-Mi fanno troppo male i piedi oggi!- spostò la testa in modo da vedermi in faccia, i suoi occhi azzurri erano ancora più chiari del solito.
-Il grigio non ti si addice per nulla sai- mormorai e lei richiuse subito gli occhi grandi.
-Sarà che mi sento stanca, piuttosto come è andata la lezione? Madame Fletcher ha detto qualcosa?- tolse i piedi dalla fila dei cuscini al fondo del letto e si mise seduta.
-Ha blaterato qualcosa su una nota di demerito ma le ho spiegato il perché non ci fossi e mi ha detto che se si ripete un’altra volta vuole vederti nel suo ufficio- scrollai le spalle infastidita, non era giusto che una ballerina se stava male era costretta ad andare a lezione per forza.
-Immagino che abbia messo quella schifosa “x” rossa sul registro- annuii togliendomi il tutù bianco dalla vita.
Alexandra nel frattempo si alzò a tentoni, i piedi erano davvero gonfi, si fermò poi davanti allo specchio con lo sguardo perso in chissà quale pensiero: – Vanille, hai mai pensato di voler far qualcos’altro oltre alla ballerina?- rimasi spiazzata da quella domanda, per un istante calò il silenzio e mi rispecchiai nel suo volto pallido e smagrito.
-No, la danza è tutta la mia vita- risposi frettolosamente togliendomi le punte e rimanendo a piedi scalzi.
-Come immaginavo – concluse lei rimettendosi una ciocca di capelli biondo cenere dietro all’orecchio destro.
-Vado in infermeria – aggiunse e uscì dalla stanza.
Quando rimasi sola riflettei sulle sue parole, non l’avevo mai vista così giù, possibile che una nota di demerito le avesse sconvolto l’umore? [mks_pullquote align=”right” width=”250″ size=”14″ bg_color=”#ff0000″ txt_color=”#ffffff”]No, la danza è tutta la mia vita- risposi frettolosamente togliendomi le punte e rimanendo a piedi scalzi. [/mks_pullquote]
Mi sedetti sul bordo del letto, per quel che possibile, lasciando le gambe a penzoloni, sentii lentamente i miei muscoli distendersi, così avrei evitato qualche sconveniente crampo.
In quell’istante la mia attenzione fu attirata dalle punte sporche di pece depositate sul letto; le presi tra le mani, stringendole come non lo avevo mai fatto prima d’ora, le continuai a fissare come se fossero un oggetto prezioso.
E se Alexandra avesse avuto ragione? Se ci fosse stato un mondo inesplorato al di fuori di queste mura?
La nebbia che si era creata nella mia testa si stava diradando a causa dei forti schiamazzi che provenivano al di fuori della stanza.
Quello che ricordo di quei tre minuti furono le urla, alcuni sorrisi compiaciuti, il corpo della mia migliore amica a terra e sirene dell’ambulanza che mi ronzavano nelle orecchie.

 

** Il riferimento a persone o cose è puramente casuale.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: