AttualitàEconomia

Grexit: chi ha perso e chi ha vinto

Euro

Nel marzo scorso scrivemmo un articolo in cui si prevedeva che la Grecia non sarebbe uscita dall’Euro e che avrebbe accettato le condizioni dell’UE. Questo ad onta delle roboanti dichiarazioni di Tsipras e delle sua promesse elettorali.
Prevedere quello che sarebbe successo era, persino, facile per uno come me che cerca di applicare alla vita quotidiana quanto ci hanno insegnato a scuola. Infatti, studiando economia, mi insegnarono che Vilfredo Pareto definiva l’economia stessa come un’applicazione della matematica al fenomeno “scarsità”. Cioè a dire che l’economia è un qualcosa di prevedibile basta conoscere i termini del problema ed applicare correttamente le regole che lo governano. Alla luce di questo modo di pensare, mi hanno sempre stupito e commosso gli sproloqui delle anime belle che parlano di uscita dall’Euro, di svolta nella politica economica europea e via argomentando, con presunzione inversamente proporzionale alla conoscenza dei problemi di cui si parla.
Malgrado la mia età, riesco, ancora, a meravigliami per le dichiarazioni (dettate da mera ignoranza) di coloro i quali parlano di ritorno ad una moneta nazionale, soltanto un pochino svalutata rispetto all’Euro. Moneta leggera che faccia da volano alle esportazioni. Autentiche stupidaggini, che si possono comprendere se dette da uno come Salvini (il quale non si picca di essere un esperto, ma cita pseudo esperti senza nemmeno averli letti). Possibile che non ci sia nessun laureato in economia che si ricordi che il valore della moneta è determinato in base a quella che nell’economia classica si chiama “l’equazione di Fisher” dal nome del suo teorico. Cioè, la moneta è un bene il cui valore è determinato, non dai decreti del governo del Paese, bensì dalla legge della domanda e della offerta, cioè, in termini matematici, dalla soluzione di un sistema di equazioni. Il fatto è che un conto è cazzeggiare, sproloquiando su cose che si conoscono poco o niente, un conto è governare e fare i conti con la dura realtà quotidiana. Gli spiritosi che parlano di ritorno alla moneta nazionale si dovrebbero chiedere come mai le banche greche sono state chiuse per circa venti giorni e oggi (24 luglio) sono aperte solo per poter compiere poche operazioni. Inoltre ci si dovrebbe chiedere perchè Tsipras, anziché cogliere al balzo la proposta di Schauble (uscita dall’Euro della Grecia per 5 anni, con una moneta parallela per il mercato interno), abbia deciso di perdere la faccia e spaccare il suo partito, accogliendo il diktat dell’Unione Europea.
Oggi che le carte sono state giocate tutte (o quasi) si può fare un primo bilancio di chi ha vinto, di chi ha perso e di chi ha pareggiato.
1°) Ha certamente perso Wolfgang Scauble il ministro delle finanze teutonico, perchè non è riuscito a far passare la propria idea di un’Europa (ed un Euro) a due velocità.
2°) Ha vinto Hollande (incredibile) perchè ha costretto Angela Merkel a fare un accordo che non aveva nessuna intenzione di fare.
3°) Hanno perso quei buontemponi della “Brigata Kalimera” (Fassina, Civati,Vendola, Grillo, ecc.) che erano esultanti per il risultato del referendum greco dal quale pronosticavano un trionfo del qualunquismo estremo-sinistro.
4°) Hanno vinto (loro malgrado) i Greci che nel 2014 avevano visto la loro economia in crescita del 2,5% e sono bastati sei mesi di Tsipras per mandare tutto all’aria e tornare alla crescita sottozero a causa della classiche ricette dell’ultra-sinistra: più tasse per tutti, niente riduzione delle spese pubbliche, nemmeno (udite, udite) delle spese spese militari che in Grecia sono il 3,6% del PIL, contro l’1,3% dell’Italia, il 2,3 % della Francia, il 2,5 % dell’ Inghilterra, il 3,5% della Russia (!!!), il 2% in Cina. Inoltre la Grecia ha un sistema di welfare che (tra baby pensioni e numero di dipendenti pubblici) sarebbe insostenibile anche nei paesi più sviluppati. Oggi con il documento firmato da Tsipras i greci dovranno mettersi a lavorare sul serio, non potranno più andare in pensione finite le scuole medie, l’esercito greco (che, visto quello che ha combinato mezzo secolo fa, non ha grandi meriti da vantare sopratutto nei confronti del popolo greco), dovrà ridurre le proprie spese a livello di un paese di 11 milioni di abitanti ( quasi gli stesso della Repubblica Ceca, del Portogallo e dell’Ungheria) e non di una superpotenza.
6°) Ha pareggiato la Merkel che non voleva la Grecia fuori dall’Euro (e per questo si è scontrata con Schauble) ma non voleva nemmeno cedere sul debito e l’accordo per adesso non prevede il condono di una parte del debito greco (anche se su questo ci sarebbe un lungo discorso da fare, perchè le cose sono meno semplici di come sembrano) .
7°) Ed ha pareggiato Tsipras perchè, con tutti i suoi giochini ha sicuramente perso la faccia, ma ha salvato (almeno per ora ) il proprio lato “b” .
Il fatto è che tutti coloro che urlano contro l’austerità ed il rigore finanziario, imposto dai Paesi Nordici con in testa la Germania, dimenticano che l’Euro è stato voluto ed è nato come un’area di libero scambio, da opporsi agli altri mercati dominanti nell’era della globalizzazione. Nelle aree di libero scambio valgono ancora le regole economiche teorizzate da Adamo Smith (“La ricchezza delle nazioni”) e non quelle del dopoguerra e della guerra fredda propugnate da Keynes.

Lorenzo Ivaldo

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: