Economia

Abolizione Tasi sulla prima casa

tasi

L’annuncio dell’abolizione della Tasi sulla prima casa per l’anno prossimo, per i 25,7 milioni di proprietari di prima casa si tradurrebbe in un risparmio medio di 180 euro annui che salgono a 230 euro medi se si abita nelle città capoluogo di provincia. Sono questi i dati che emergono da una simulazione elaborata dal Servizio Politiche Territoriali della Uil, nelle106 città capoluogo di provincia.
Secondo i risultati della simulazione Uil, il risparmio maggiore in valori assoluti si registra a Torino con 403 euro medi a famiglia; a Roma, invece, il risparmio sarà di 391 euro medi; a Siena 356 euro; a Firenze 346 euro. Considerando invece le città in cui si risparmierà meno, il livello minimo sarà raggiunto da Asti, dove il risparmio medio sarebbe di soli 19 euro medi; cifra che sale a 46 euro ad Ascoli Piceno; 51 euro a Crotone; 57euro a Catanzaro; 60 euro a Cesena.
E la Liguria? Secondo la simulazione della Uil sarebbero le famiglie di Savona, tra quelle dei quattro capoluoghi, ad avere i minori vantaggi, con un risparmio medio limitato a 138 euro; il risparmio per gli imperiesi salirebbe a 183 euro e a La Spezia il beneficio sarebbe di 219 euro. Più “fortunati” – per modo di dire tenuto conto che se il risparmio è più alto significa che anche l’imposta era più elevata – i genovesi, dove il taglio della Tasi vale 345 euro medi per famiglia. Per dare un dato di raffronto, la media nazionale della Tasi nelle città capoluogo vale 230 euro, mentre la media nazionale considerando tutti i comuni scende a 180 euro.
Per la Uil ogni riduzione del carico fiscale a carico delle famiglie è ben venuta, però, per non incorrere negli errori del passato, sarebbe opportuno che contestualmente all’abolizione della Tasi, il Governo staccasse 8 mila assegni intestati ai Comuni, con copertura certa, dall’importo complessivo di 4,6 miliardi di euro. Infatti, a tanto ammonta il gettito per i Comuni derivante dalla TASI, di cui 3,8 miliardi di euro per la prima casa e il resto, 800 milioni, per gli altri immobili.
È vitale garantire la totale copertura finanziaria per evitare che si ripeta ciò che gli Italiani hanno vissuto in questi anni e, cioè, che si cambi il nome ma non la sostanza (Isi, Ici, Imu, Trasi, Tuc, Iuc, Tasi) oppure che i Comuni (consenzienti o inconsapevoli) aumentino, per bilanciare le minori entrate, altre imposte e tasse locali a iniziare dell’Irpef Comunale (che pesa soprattutto sui lavoratori e pensionati), oppure taglino servizi essenziali per i cittadini.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: